Intascava i soldi delle carte d'identità, arrestato dipendente comunale | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Agrigento

Si tratta di un impiegato del Comune di Ravanusa (Ag)

Intascava i soldi delle carte d’identità, arrestato dipendente comunale

di
14 Febbraio 2020

Avrebbe intascato i soldi delle carte di identità elettroniche invece di versarli nelle casse del Comune, riuscendo a mettere da parte circa 30 mila euro.

Un dipendente del Comune di Ravanusa (Ag) è stato arrestato in flagranza di reato dai carabinieri, a conclusione di un’indagine lampo, con l’accusa di peculato e malversazione in danno di privati.

L’impiegato infedele, per il rilascio delle carte d’identità, chiedeva ai cittadini – come previsto dalla legge – di recarsi a fare il versamento sul conto corrente del Municipio. Ma non a tutti. Ad alcuni, infatti, – stando all’accusa – chiedeva di pagare le somme direttamente a lui in contanti.

Intercettazioni e telecamere piazzate dai militari dell’Arma di Ravanusa e Licata (Ag) lo hanno incastrato documentando i passaggi di denaro. L’ultimo, ieri mattina, gli è stato fatale.

Gli ammanchi, secondo gli investigatori, si aggirano sui 30mila euro. Il dipendente comunale è stato posto agli arresti domiciliari.

L’indagine è stata coordinata dal sostituto procuratore della Repubblica di Agrigento, Paola Vetro.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.