"Intascava i soldi sequestrati alla mafia", arrestato noto commercialista :ilSicilia.it

operazione della dia

“Intascava i soldi sequestrati alla mafia”, arrestato noto commercialista

14 Ottobre 2019

Avrebbe intascato i soldi provenienti da due aziende ittiche sequestrate al boss trapanese Mariano Agate. Per queste ragioni, stamattina all’alba il commercialista Maurizio Lipani, noto amministratore giudiziario, è stato posto agli arresti domiciliari dalla Dia, con l’accusa di autoriciclaggio e peculato.

Una vicenda che riporta al centro delle inchieste il business sui beni sequestrati, esploso anni fa a seguito del caso Saguto. Il professionista è molto noto a Palermo ed è considerato fra i più famosi amministratori giudiziari che vi siano. Lipani avrebbe dovuto amministrare le due aziende ittiche sequestrate, da cui sarebbero stati sottratti proventi che il professionista avrebbe intascato.

I soldi che secondo il procuratore aggiunto Paolo Guido e i sostituti Gianluca De Leo, Francesca Dessì e Alessia Sinatra, avrebbe sottratto ammonterebbero a 355 mila euro. I soldi sarebbero stati sfilati dalle due aziende ittiche – la Glocal Sea fresh e la My land – con prelievi in contanti. Il denaro sarebbe stato poi versato a uno studio di consulenza, gestito dallo stesso Lipani e da un suo collega. Sono al setaccio della Dia i conti bancari di altre decine di società ed imprese affidate in amministrazione giudiziaria a Lipani dalle quali si sospetta che il professionista possa aver distratto altro denaro. Le indagini riguardano anche eventuali collusioni del commercialista con soggetti sottoposti a misure di prevenzione.

Nella stessa inchiesta sono stati arrestati anche Epifanio Agate, figlio di Mariano Agate e la moglie Adele Francaviglia. Per la procura avrebbero continuato a gestire parte dei beni e delle aziende di famiglia. Per la procura, i due avrebbero controllato le imprese sequestrate, invece di essere allontanati.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.