Internet Haters e Trolls: ecco come difendersi dai loro attacchi :ilSicilia.it
Banner Bibo

Regola numero uno: mai replicare

Internet Haters e Trolls: ecco come difendersi dai loro attacchi

di
8 Novembre 2017

Oggi tutte le imprese, tutte le aziende, tutti i liberi professionisti, gli artisti, le star dello spettacolo e dello sport, hanno parte o buona parte della loro attività online. Insieme a tutte le cose positive nel promuovere o gestire la propria attività imprenditoriale, commerciale o artistica online, ci sono alcuni risvolti negativi. Alcuni di questi sono proprio le azioni messe in atto dagli Internet Haters e dai Trolls dei quali, nel precedente articolo “Internet Haters: chi sono e perché odiano online senza apparente motivo?”, abbiamo cercato di delinearne il profilo e le motivazioni che li portano ad odiare in rete.

Quello che cercheremo di fare con questo scritto, in continuità con il precedente, è quello di dare dei suggerimenti su come contrastare le azioni di odio, di disturbo, di interferenza, di delegittimazione, di danneggiamento virtuale, messi in atto, con prepotenza e insistenza maniacale ed ossessiva, dagli Internet Haters e dai Trolls.

Negli Stati Uniti d’America il problema è sentito da diverso tempo oramai, tanto che molti esperti di comunicazione e di gestione di piattaforme informatiche online hanno avviato degli studi e hanno messo a punto delle strategie per suggerire come difendersi dagli Internet Haters e dai Troll. A seguire analizzeremo quello che fanno nei paesi anglosassoni per difendersi e per limitare i danni.

La piattaforma di comunicazione “CarolRoth.com”, nell’agosto 2017, ha chiesto ad esperti, consulenti ed imprenditori che collaborano con la loro azienda e che lavorano prevalentemente su siti web, su social online, che gestiscono i loro affari su siti commerciali e/o di comunicazione online, di dare dei suggerimenti e delle strategie su come difendersi da questi attacchi. Sono strategie ed azioni frutto della loro esperienza online e del buon senso, che hanno dato risultati confortanti e tangibili, e per questo degni di essere conosciuti.

Il must di tutti gli operatori intervistati è lo stesso: “Never feed the Trolls” (“Mai dare da mangiare ai Trolls”).

Questo significa che secondo questi operatori non bisogna mai replicare con lo stesso linguaggio utilizzato dagli Internet Haters e/o dai Troll, né con il loro stesso livore e tenore di odio, né scendere mai al loro livello sub-culturale, né alimentare la loro aggressività con risposte scomposte, violente, di offesa, di odio, di delegittimazione. Alcuni di questi operatori sostengono che alla loro aggressività e al loro odio bisogna replicare con gentilezza. Altri sostengono che bisogna riconoscerli come utenti, ringraziarli per il loro commento e replicare in modo persuasivo e argomentato. Altri ancora che bisogna semplicemente ignorarli, lasciarli postare i loro commenti, e se è il caso bloccarli e segnalarli al gestore del portale nel quale si ha il proprio profilo social o la propria pagina web.

Questi approcci, queste modalità, inevitabilmente disorientano l’Internet Haters e il Troll proprio perché questi soggetti si aspettano una reazione altrettanto aggressiva, di odio e di violenza virtuale.

Solo attraverso queste semplici strategie, sostengono gli utenti intervistati da questo portale, dopo un po’ di tempo che gli Haters e i Trolls vi avranno attaccato e cercato di delegittimare voi, il vostro Blog, il vostro sito web, la vostra pagina social, non ritrovando alcuna reazione e replica scomposta alla loro aggressività che “li legittima” virtualmente, vi abbandoneranno per cercare un altro “utente-bersaglio” da odiare, da attaccare e cercare di distruggere online.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti