22 febbraio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.20
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11

Intervista esclusiva al manager della ristorazione Tony May

Intervista esclusiva a Tony May. A Palermo una scuola di cucina siciliana internazionale [VIDEO]

16 gennaio 2018

La prima scuola internazionale di cucina per chef provenienti da tutto il mondo a Palermo. E’ questo l’ambizioso progetto di Tony May, uno dei più importanti manager internazionali nel campo della ristorazione.

Tony May, italoamericano originario di Torre Del Greco con una lunghissima esperienza che lo ha portato a gestire due ristoranti nel World Trade Center di New York (e che andarono distrutti nell’attentato dell’11 Settembre), ha portato anche in Sicilia un’idea già sperimentata in Piemonte: una scuola di alta cucina per stranieri per insegnare agli chef di tutto il mondo i segreti della cucina siciliana. L’idea di Tony May si sposa alla perfezione con il progetto “Gustoso” che fa capo a Daniele Cipollina: approcciare il mercato americano e mondiale attraverso la qualità dei prodotti e della cucina siciliana.

Il progetto di Tony May e Daniele Cipollina è anche quello di diffondere a livello internazionale il rispetto per le tradizioni della cucina italiana. I corsi serviranno ai ristoratori internazionali per formare i loro chef e consentire di conoscere in modo adeguato sia i prodotti che le ricette tradizionali. Il fatto che i corsi siano molto brevi, è un’ulteriore motivazione per spingere gli chef a partecipare.

Partner di questa sinergia è l’Hotel Villa Igiea. Secondo il manager di Villa Igiea, Vito Giglio, l’albergo offre le migliori condizioni per la realizzazione del progetto, grazie alla grande tradizione gastronomica e all’ospitalità.

La buona riuscita del progetto dipende anche dall’attenzione che le Istituzioni regionali presteranno alla validità dell’idea dei due manager.

Nel video l’intervista esclusiva del direttore editoriale Maurizio Scaglione a Tony May, Daniele Cipollina e Vito Giglio.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Non sono mai Bianche

Chi sa quante volte era ritornato su quel posto con la mente. Ci tornava costantemente rivivendo la stessa mattinata, sempre la stessa, per cercare dove quella volta aveva sbagliato. Aveva poco più che trenta anni e lavorava da sempre.