Intervista esclusiva a Tony May. A Palermo una scuola di cucina siciliana internazionale :ilSicilia.it

Intervista esclusiva al manager della ristorazione Tony May

Intervista esclusiva a Tony May. A Palermo una scuola di cucina siciliana internazionale [VIDEO]

di
16 Gennaio 2018

La prima scuola internazionale di cucina per chef provenienti da tutto il mondo a Palermo. E’ questo l’ambizioso progetto di Tony May, uno dei più importanti manager internazionali nel campo della ristorazione.

Tony May, italoamericano originario di Torre Del Greco con una lunghissima esperienza che lo ha portato a gestire due ristoranti nel World Trade Center di New York (e che andarono distrutti nell’attentato dell’11 Settembre), ha portato anche in Sicilia un’idea già sperimentata in Piemonte: una scuola di alta cucina per stranieri per insegnare agli chef di tutto il mondo i segreti della cucina siciliana. L’idea di Tony May si sposa alla perfezione con il progetto “Gustoso” che fa capo a Daniele Cipollina: approcciare il mercato americano e mondiale attraverso la qualità dei prodotti e della cucina siciliana.

Il progetto di Tony May e Daniele Cipollina è anche quello di diffondere a livello internazionale il rispetto per le tradizioni della cucina italiana. I corsi serviranno ai ristoratori internazionali per formare i loro chef e consentire di conoscere in modo adeguato sia i prodotti che le ricette tradizionali. Il fatto che i corsi siano molto brevi, è un’ulteriore motivazione per spingere gli chef a partecipare.

Partner di questa sinergia è l’Hotel Villa Igiea. Secondo il manager di Villa Igiea, Vito Giglio, l’albergo offre le migliori condizioni per la realizzazione del progetto, grazie alla grande tradizione gastronomica e all’ospitalità.

La buona riuscita del progetto dipende anche dall’attenzione che le Istituzioni regionali presteranno alla validità dell’idea dei due manager.

Nel video l’intervista esclusiva del direttore editoriale Maurizio Scaglione a Tony May, Daniele Cipollina e Vito Giglio.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Balzebù
di Balzebù

Il Lupo perde il pelo ma non il vizio

Dov’è finito quel Giuseppe Lupo che da segretario provinciale della Cisl di Palermo, con pacatezza, riusciva a districarsi tra le vertenze più scabrose al tempo in cui rivestiva questo prestigioso incarico?
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Moderati per sopravvivere

Si torna a parlare di un partito dei “moderati” che - come ci informa Belzebù nell’articolo di questi giorni - dovrebbe mettere insieme i cespugli della politica italiana: Italia Viva di Matteo Renzi, Azione di Carlo Calenda, Più Europa di Emma Bonino e Forza  Italia o almeno una sua parte. Un’adesione che finora, però, è più una speranza che una certezza
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.