Catania

A novembre era partito verso il Texas

Inutile il viaggio negli Usa: è morto Luca Cardillo, il giovane siciliano con un tumore rarissimo

14 Gennaio 2019

Luca Cardillo, il 23enne di Giarre (CT) affetto da un raro tumore alla gamba non ce l’ha fatta. A novembre era partito dall’aeroporto di Catania verso Houston (Texas, Stati Uniti) per affrontare la sua battaglia contro il suo tumore osseo alla gamba destra.

Qui all’Md Anderson cancer center, un polo ospedaliero americano specializzato nella cura del cancro, i medici – che inizialmente avevano ipotizzato un intervento, con l’amputazione della gamba destra – non sono riusciti a trovare una soluzione per questa rara forma di tumore, ormai troppo grande e impossibile da rimuovere.

La storia del giovane siciliano aveva commosso tutta l’Italia. Grazie ad una raccolta fondi online il ragazzo aveva ottenuto i soldi per il viaggio della speranza negli Usa. Sui social network, tanti i messaggi di cordoglio per la sua morte.

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.