23 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.42

Bontà della tradizione

Involtini di cutina (o cotenna) al sugo | LA RICETTA

4 Marzo 2019

Ci sono delle pietanze che si amano o si odiano e gli “involtini di cutina al sugo” appartengono a questa categoria. Per i detrattori potrebbero entrare di diritto nel programma Bizarre Foods whit Andrew Zimmern che, tradotto in italiano Orrori da gustare, presenta piatti bizzarri, unici, caratteristici della cucina di una determinata città, regione o nazione.

Zimmern apre e chiude ogni episodio con il motto: “E ricordate, se vi sembra buono, mangiatelo“. Ecco, per gli involtini di cutina, ricetta della tradizione siciliana, tenetelo a mente e lasciatevi sopraffare dalla bontà non pensando al cosa, ma al quanto siano buoni. I suoi amanti, viceversa, li esaltano, ovviamente, come bocconcini prelibati. Ma andiamo alla ricetta.

Ingredienti per 4 persone:

  • 600 g di cotenna di maiale
  • 4 cipollette
  • prezzemolo abbondante
  • 200 g di pecorino grattugiato
  • 150 g di pangrattato
  • salsa di pomodoro
  • 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
  • pepe q. b.

Procedimento:

1. Prendete la cotenna di maiale e passatela sulla fiamma con molta attenzione per bruciare eventuali setole o eliminatele con un rasoietto.

2. Mettetela in acqua bollente, salatela e sbollentatela. Appena si sarà ammorbidita, spegnete e lasciatela sgocciolare.

3. Appena si è raffreddata completamente, tagliatela a rettangoli.

4. Nel mentre, in una ciotola, mescolate il pangrattato, il prezzemolo tritato, il pecorino grattugiato, le cipollette tagliate sottilmente e il pepe.

5. Farcite i rettangoli di cotenna con questo ripieno e chiudetene le estremità con degli stecchini.

6. Fate una buona salsa di pomodoro e aggiungetevi il concentrato di pomodoro. Quando è quasi pronta, ponete nel sugo gli involtini e, appena stanno sobbollendo, aggiungete un’abbondante cucchiaiata di pecorino.

Scritti, cucinati e, a ora di pranzo, mangiati.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.