20 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.15

Bontà della tradizione

Involtini di cutina (o cotenna) al sugo | LA RICETTA

4 Marzo 2019

Ci sono delle pietanze che si amano o si odiano e gli “involtini di cutina al sugo” appartengono a questa categoria. Per i detrattori potrebbero entrare di diritto nel programma Bizarre Foods whit Andrew Zimmern che, tradotto in italiano Orrori da gustare, presenta piatti bizzarri, unici, caratteristici della cucina di una determinata città, regione o nazione.

Zimmern apre e chiude ogni episodio con il motto: “E ricordate, se vi sembra buono, mangiatelo“. Ecco, per gli involtini di cutina, ricetta della tradizione siciliana, tenetelo a mente e lasciatevi sopraffare dalla bontà non pensando al cosa, ma al quanto siano buoni. I suoi amanti, viceversa, li esaltano, ovviamente, come bocconcini prelibati. Ma andiamo alla ricetta.

Ingredienti per 4 persone:

  • 600 g di cotenna di maiale
  • 4 cipollette
  • prezzemolo abbondante
  • 200 g di pecorino grattugiato
  • 150 g di pangrattato
  • salsa di pomodoro
  • 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
  • pepe q. b.

Procedimento:

1. Prendete la cotenna di maiale e passatela sulla fiamma con molta attenzione per bruciare eventuali setole o eliminatele con un rasoietto.

2. Mettetela in acqua bollente, salatela e sbollentatela. Appena si sarà ammorbidita, spegnete e lasciatela sgocciolare.

3. Appena si è raffreddata completamente, tagliatela a rettangoli.

4. Nel mentre, in una ciotola, mescolate il pangrattato, il prezzemolo tritato, il pecorino grattugiato, le cipollette tagliate sottilmente e il pepe.

5. Farcite i rettangoli di cotenna con questo ripieno e chiudetene le estremità con degli stecchini.

6. Fate una buona salsa di pomodoro e aggiungetevi il concentrato di pomodoro. Quando è quasi pronta, ponete nel sugo gli involtini e, appena stanno sobbollendo, aggiungete un’abbondante cucchiaiata di pecorino.

Scritti, cucinati e, a ora di pranzo, mangiati.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.