"Io, agnostico vi racconto il mio Cammino religioso sulle Orme di San Bernardo" | FOTO :ilSicilia.it

La storia

“Io, agnostico vi racconto il mio Cammino religioso sulle Orme di San Bernardo” | FOTO

di
10 Giugno 2021

GUARDA LE FOTO IN ALTO

Perché un non credente decide di fare un cammino intitolato a un Santo? A raccontarlo è Alessandro Rais che, in questi giorni, insieme ad altri viaggiatori, ha condiviso una parte del Cammino di San Bernardo da Corleone.

Rais, 59 anni non si riconosce in nessuna confessione religiosa. “Nn sono un ateo, preferisco definirmi agnostico”, dice. Il suo primo contatto con il Cammino di San Bernardo, avviene qualche anno fa, in occasione di alcune tappe test organizzate in preparazione di un’esperienza futura più strutturata. “Da bambino, io e la mia famiglia villeggiavamo a Ficuzza. Quando mi proposero di iniziare questo percorso che partiva da Corleone, pensavo che avrei ritrovato territori che avevo già visto. Al contrario, rimasi sorpreso nel vedere percorsi nuovi e bellissimi”.

A distanza di qualche tempo, quella esperienza così particolare si è riproposta offrendo molti spunti di riflessione. Per Rais, il cammino è un occasione di incontro con tanti  elementi. L’immersione nella natura per un periodo prolungato e con un forte dispendio di energie sia fisiche che mentali, comporta a una sorta di “felice spaesamento”. Una serie di suggestioni che coinvolgono il credente e il non credente all’interno di una spiritualità che di per sé non è un fatto confessionale.

Chiunque condivida il cammino, riconosce e apprezza le potenzialità offerte da questi incontri umani, culturali, naturalistici. “Stiamo visitando territori straordinari che non conoscevo. Scoprire questi centri storici ricchi di tradizioni e molto spesso esclusi dagli itinerari turistici più gettonati, è un’esperienza unica. Il fatto che il cammino sia ispirato al percorso religioso di un santo, non toglie nulla a chi decide di intraprendere questa avventura mosso da ragioni di arricchimento personale. Del resto, anche il “padre” di tutti i cammini, il Cammino di Santiago di Compostela, è attraversato da viaggiatori provenienti da ogni parte del mondo indipendentemente dalla presenza o meno di un credo religioso. Allo stesso tempo, è vero anche il contrario. Cammini come la Magna Via Francigena in Sicilia o in generale le Vie Francigene in Italia, pur non essendo strettamente legati a un preciso evento spirituale, coinvolgono fedeli e non fedeli. Del resto, la cultura europea è fortemente caratterizzata dalla storia della Chiesa e così, la sosta in un luogo di culto, durante un cammino, è motivo di interesse spirituale, artistico, letterario.

Il filo rosso che tiene legati due mondi così distanti è la condivisione senza pregiudizio. Il cammino è dunque una lezione sul campo di civiltà e di rispetto reciproco. Se lo si considera come un’opportunità per scoprire un territorio ricco di stimoli, adottando un approccio sereno, ciò che ne consegue è l’arricchimento personale ma non solo.

“Mi è capitato – dice Rais – di fare dei cammini in solitaria. Una scelta bellissima, un confronto continuo e costante con la natura in cui misurare la propria resistenza alla fatica, la reattività alle difficoltà. Tuttavia, quella di questi giorni è un’esperienza altrettanto bella. Un’ occasione di condivisione con persone che non conoscevo prima e delle quali scopro aspetti estremamente interessanti. Il viaggiatore che sento più vicino? Frate Michele, il frate cappuccino che ci accompagna lungo tutto il percorso. Ad unire il frate e l’agnostico, la serenità nell’approccio con le differenze. Nessun pregiudizio, nessun preconcetto, nessun atteggiamento di superiorità. Mentre si è in viaggio, le appartenenze non contano: conta il percorso. Se poi questo itinerario si svolge in mezzo alla natura, con semplicità, anche l’incontro con l’altro, con il diverso avviene in maniera più naturale, senza filtri.

In questi giorni, i pellegrini del Cammino di San Bernardo hanno attraversato diversi comuni siciliani. Dopo Sciacca, Caltabellotta, Burgio, Bivona, Palazzo Adriano e Chiusa Sclafani, oggi è stata la volta di Giuliana, Bisacquino e Campofiorito.

A proposito di Palazzo Adriano, Rais che è anche un amante del cinema dice: “E’ stata una scoperta. Lo conoscevo attraverso le immagini, le letture e il cinema ma, non c’ero mai stato. Uno degli obiettivi del Cammino è valorizzare il territorio con una  promozione turistica esperienziale e non usa e getta. Siamo arrivati a Palazzo lentamente, ammirandolo da lontano a poco a poco. Un po’ come in un film ne abbiamo apprezzato la morfologia, le proporzioni urbanistiche molto ben conservate e custodite. Abbiamo avuto il contatto con la “piazza”, attraversandola da esseri umani e non da semplici turisti”

Un ruolo importante, in questo percorso lo hanno poi svolto le guide naturalistiche locali. “Voglio ringraziare – dice Pietro Di MiceliEnzo Mulè, maestro elementare in pensione che ci ha fatto scoprire una famosa fonderia di campane e Paolo Vetrano che ci ha accompagnato raccontandoci la bellezza di queste montagne e delle contrade di un territorio straordinario ma ancora troppo poco conosciuto”.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin