19 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.20
Palermo

la partecipazione è gratuita

“Io leggo con i miei figli”: a Palermo il ciclo di letture che coinvolge le famiglie

8 Gennaio 2019

Sono ancora aperte le iscrizioni a “Io leggo con i miei figli”, il primo ciclo d’invito alla lettura della #bni, la biblioteca sociale dedicata a Antonino Agostino e Ida Castelluccio di via Sgarlata, 22 a Palermo. Attraverso otto incontri, e tramite il supporto e la guida di un lettore, saranno proposti classici della letteratura.

io leggo con i miei figliSarà lo spunto per continuare, a casa, la lettura del volume proposto ma, soprattutto favorire l’empatia che entrambi, genitore e figli, possono sviluppare nei confronti di una storia. “Io leggo con i miei figli” prende il via dal 14 gennaio fino al 4 marzo tutti i lunedì dalle ore 17 alle 18.  Per iscriversi si può inviare una mail all’indirizzo bibliotecaninoeida@libero.it indicando: nome e cognome del genitore e del minore che partecipa, numero telefonico e indirizzo mail.

Sono previsti, al massimo, dieci coppie genitori/figli. La partecipazione è gratuita. Ad ogni coppia partecipante verrà fornita, grazie alla collaborazione con la Libreria Zacco di Palermo, una copia del libro che rimarrà loro alla fine del ciclo di lettura.La prima serie di “Io leggo con” propone la lettura de “I Beati Paoli” di Luigi Natoli, un classico della letteratura nazionale e dell’Isola, che utilizza un linguaggio, seppur a volte desueto, in grado di suscitare forte interesse nel lettore.

“Io leggo con i miei figli” sarà un momento d’incontro ma anche di scambio di ruoli. Nel corso dell’incontro, il lettore passerà la parola, di volta in volta, ai partecipanti, per costruire una lettura collettiva.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.