Ipab, ex lavoratori "Oasi Cristo Re" di Acireale reinseriti all'Asp di Catania :ilSicilia.it
Catania

La svolta delle istituzioni pubbliche di assistenza e beneficienza

Ipab, ex lavoratori “Oasi Cristo Re” di Acireale reinseriti all’Asp di Catania

di
16 Luglio 2021

Al via alla riqualificazione lavorativa dei dipendenti delle Ipab (Istituzioni pubbliche di assistenza e beneficienza) per tutelare i livelli occupazionali e contribuire a rafforzare il sistema sanitario siciliano con il loro inserimento nelle Asp dell’Isola.

Infatti, l’assessore alla Salute della Regione Siciliana, Ruggero Razza, ha firmato la richiesta di cessione di mobilità dei lavoratori, a seguito di un importante tavolo tecnico che ha coinvolto l’assessorato alla Famiglia e al Lavoro, Cefpas e Asp, nel caso specifico, per l’assorbimento del personale dell’Ipab “Oasi Cristo Re” di Acireale nell’Asp di Catania.

Bisogna che il percorso avviato per l’Ipab Oasi Cristo Re si possa velocemente avviare per i lavoratori delle Ipab siciliane” auspica Angela Foti, vicepresidente dell’Assemblea regionale siciliana e deputata di Attiva Sicilia. L’accordo siglato prevede, infatti, con la collaborazione del Cefpas, un percorso di formazione professionale per i lavoratori dell’Ipab – a partire da quella di Acireale – che potranno ottenere la qualifica Oss, in modo tale da poter proseguire la loro attività all’interno dell’Asp.

Si tratta, dunque, di un ragionamento esteso al personale Ipab che ha bisogno di ricevere adeguata formazione. Non basta più il corso di operatore socio-assistenziale (Osa), ma con la nuova normativa è necessario conseguire il titolo di Oss, operatore socio sanitario, figura professionale la cui attività è indirizzata a soddisfare i bisogni primari delle persone e a favorire il benessere e l’autonomia delle persone non propriamente autosufficienti.

Angela Foti

“Per anni ho lottato affinché venisse restituita dignità ai lavoratori delle Ipab presentando miriadi di proposte, interrogazioni e interpellanze.  – ha detto la parlamentare Angela Foti di Attiva SiciliaFinalmente adesso è stato avviato un cammino di formazione che rappresenta un paradigma a livello isolano.

La parlamentare di Sala d’Ercole rammenta che si tratta di “Strutture che, ricordo in primis a me stessa, erano fiore all’occhiello del sistema previdenziale e sociale della Regione e che rappresentavano un esempio di servizio pubblico verso chi si trovava in difficoltà, dando dignità e accoglienza. Ringrazio – conclude il vicepresidente dell’Ars – il governo regionale che sta mettendo fine al declino augurandomi che l’assemblea sblocchi rapidamente la proposta di riforma del settore”.

Il raggiungimento di questa intesa esplica una duplice azione positiva: da un lato si avrà nuovo personale, formato e pronto, da poter immettere nel sistema sanitario regionale, dall’altro si garantisce la tutela del lavoro e il futuro di decine e decine di siciliani. Una vittoria per i lavoratori degli Istituti di assistenza e beneficienza che hanno sofferto disagi a causa del depotenziamento delle strutture dove per anni hanno prestato servizio.

Questa sarebbe una svolta nel percorso di reinserimento professionale all’interno delle strutture dell’Asp,  e nell’ambito socio assistenziale con la riforma delle Ipab. Una misura che consente di chiudere l’ennesima pagina dolorosa sul fronte delle vertenze senza perdere posti di lavoro. Contemporaneamente vengono consegnate nuove risorse umane alle strutture della sanità siciliana anche per garantire respiro dopo i tanti mesi di emergenza pandemica ancora in corso.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin