Ipab siciliane in crisi, in arrivo il disegno di legge di riforma del settore :ilSicilia.it

Il ddl a firma di Roberto Di Mauro e Angela Foti

Ipab siciliane in crisi, in arrivo il disegno di legge di riforma del settore

24 Luglio 2018

Autonomisti e 5stelle all’Ars insieme per rilanciare gli enti per la beneficenza in Sicilia. Un testo di legge a firma di Roberto Di Mauro e Angela Foti è pronto a nascere.

Angela Foti
Angela Foti

Sono tre i pilastri del ragionamento che sta per vedere la luce. Innanzitutto l’integrazione socio-sanitaria, con la quota che dovrebbe essere a carico delle ASP, che spesso non viene liquidata. Le convenzioni non verrebbero fatte come succede adesso tra Comuni e strutture residenziali, ma direttamente con le aziende sanitarie che prendono parte direttamente alle convenzioni, assumendo direttamente un impegno contrattuale, senza costringere gli enti locali a pesanti esborsi sulle somme da anticipare. Un modo indiretto, quindi, per trasferire risorse agli IPAB.

In secondo luogo, la costituzione di un fondo gestito dall’IRFIS sulla falsariga di quello per ripianare i debiti degli enti lirici. Anche per le strutture sociali e le cooperative sarebbe possibile accedere a questa dotazione che verrebbe integrata di circa tre milioni di euro.

Roberto Di Mauro
Roberto Di Mauro

Infine, prevista una norma sul patrimonio che rischia il depauperamento, prevedendo che una quota di quello indisponibile possa anche essere dismesso per destinare una quota al ripianamento dei debiti.

Era il 18 marzo del 2015 quando la Regione, per bocca dell’assessore di Crocetta, Bruno Caruso annunciava in finanziaria l’inserimento di una norma-ponte sugli IPAB siciliani, una soluzione di transizione per accorciare le distanze con le difficoltà economiche, che già da un anno non avevano ricevuto i contributi da parte della Regione.

Non se ne fece nulla e inoltre, per  un altro anno da quella data, le somme da parte della Regione furono azzerate.

La riforma mancata invece condotta e non conclusa da Gianluca Miccichè, assessore centrista della giunta politica di Crocetta, nella seconda parte della legislatura, prevedeva la trasformazione in aziende degli enti, distinguendo tra quelli in possesso di  specifici requisiti e gli altri che avrebbero dovuto adottare piani triennali di adeguamento. Era inoltre stabilito un piano di ripianamento dei debiti con piani quinquennali di rientro, finanziati con un fondo la cui ripartizione sarebbe stata determinata dall’assessorato. Un comma a parte era riservato a nuovi servizi con un’attenzione mirata all’accoglienza dei migranti minorenni non accompagnati, servizio per il quale il ministero aveva stanziato all’epoca 52,7 milioni di euro. Anche in quel caso il naufragio fu totale.

lavoratori ipab ruffiniI debiti del settore superano i 40 milioni di euro. Per il triennio 2016-2018, il fondo di funzionamento prevede una dotazione di 5 milioni, ma ad ogni finanziaria ritocchi e rimodulazioni hanno aggiornato il capitolo delle assegnazioni.

 

 

Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Come se fosse Antani

Da oggi un nuovo blog s unisce a quelli già esistenti. Si intitola "Come se fosse Antani", con un riferimento più che esplicito al celebre film. "Amici miei". E' il blog di Giovanna Di Marco