Ippoterapia: il potere segreto dei cavalli per la salute fisica e mentale :ilSicilia.it

maestri di vita per eccellenza

Ippoterapia: il potere segreto dei cavalli per la salute fisica e mentale

di
7 Aprile 2021

“I migliori maestri che abbia mai conosciuto sono stati gli stessi cavalli“, Nicholas Evans.

I cavalli sono degli animali che insegnano molte cose, da amare a essere determinati, da dare importanza alle cose ad apprezzare anche solo i semplici gesti e a essere fedeli, ma non solo.

Diverse ricerche hanno dimostrato che la ippoterapia è un valido strumento terapeutico. Infatti è utilizzata per aiutare persone che mostrano deficit neuromotori, cognitivi e comunicativi, proprio per le caratteristiche di questo possente animale.

Cos’è l’ippoterapia?

È una terapia dolce che si basa sull’interazione tra uomo e animale. Si fonda sull’andatura e il movimento naturale dell’animale. Infatti,  input motori e sensoriali vengono trasmessi tramite le vibrazioni al corpo del cavallerizzo e di conseguenza anche al suo cervello.

Si basa sul miglioramento delle funzioni neurologiche e dei processi sensoriali e viene utilizzata soprattutto per persone con problemi fisici, psichici, sensoriali e comportamentali. Inoltre, negli individui paralizzati, contribuisce ai programmi di riabilitazione fisica.

Inoltre migliora la capacità di concentrazione e di attenzione ed è un’attività ideale per liberarsi dalle tensioni. Questo perché l’attività si fa all’aria aperta  in uno spazio più naturale possibile. La sensazione di benessere aumenta, infatti, anche perché i sensi non sono disturbati da elementi caotici ed artificiali.

Per chi è adatta

La riabilitazione tramite l’ippoterapia è adatta a chi ha lesioni neuromotorie, patologie ortopediche, in esiti di traumatismo cranico e a chi ha la sclerosi multipla.

Inoltre è indicata, per gli effetti cognitivo-comportamentali a chi ha forme di vario grado e tipo di insufficienza mentale, autismo, schizofrenia, sindrome di Down e a chi ha diversi disturbi del linguaggio e caratteriali.

Non è adatta per i soggetti che hanno instabilità o malformazione del rachide, per chi ha una scoliosi grave, nelle miastenie, nelle atassie gravi  e in chi ha fragilità ossea. In ambito psichico in chi soffre di equinofobia, di acrofobia, attacchi di panico e chi soffre di epilessia.

Affinché questo metodo  di cura risulti efficace, l’ippoterapia deve essere esercitata da persone specificamente qualificate e tecnicamente preparate.

Perché il cavallo?

Il cavallo medio cammina a una velocità di circa 100 passi al minuto. Solo 5 minuti su un cavallo che cammina rappresentano 500 input neuromotori per il paziente. In una tipica sessione di terapia, il terapista curante può incorporare da 15 a 25 minuti di movimento equino, il  che rappresenta da 1500 a 2500 input neuromotori per il paziente.

Il movimento equino, quindi,  è un potente strumento che offre al paziente l’opportunità di un apprendimento motorio complesso. Inoltre è stata segnalata una maggiore motivazione e partecipazione al trattamento e benefici emotivi sociali.

Questo perché gli animali spesso sono capaci di creare un legame molto speciale grazie anche la comunicazione non verbale che rafforza il legame affettivo che si viene a creare.

Ecco perché i cavalli sono maestri di vita in ogni senso.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Immagina…

Immagina la “normalità” quale unico “manifesto per il futuro”. Il fallimento di una certa politica sta nel fatto di volerti vendere per straordinario tutto ciò che universalmente sarebbe stato normale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
La GiombOpinione
di Il Giomba

Andrà tutto bene(?)

È un anno intero, e anche qualcosa di più, che mi sento ripetere questa frase. Ma come faccio a pensare che andrà tutto bene?
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin