Iran: il raggio d'azione dei missili arriva fino in Sicilia :ilSicilia.it

LA MAPPA

Iran: il raggio d’azione dei missili arriva fino in Sicilia

di
9 Gennaio 2020

Venti di guerra nel Golfo. Dopo l’attacco degli USA con l’uccisione del generale Soleimani e la pronta risposta dell’Iran, il mondo intero vive ore di tensione e angoscia.

L’Iran infatti possiede un arsenale avanzato e missili a lungo raggio, tanto che viene ritenuto uno dei più grande arsenali di guerra del Medio Oriente: oltre a centinaia di missili balistici a corto raggio, anche dei missili Cruise a medio raggio (in grado di colpire anche Israele e il Sud dell’Europa).

Fonte: CSIS, Centre for strategic e international studies / Missile defence project
Fonte: CSIS, Centre for strategic e international studies / Missile defence project

In particolare, i missili Soumar avrebbero una capacità balistica di circa 2.500 Km. Dall’infografica a lato si può notare che il raggio d’azione può arrivare fino al Sud Italia.

La Sicilia orientale rientrerebbe nel range iraniano. La gittata potrebbe arrivare fino a Cefalù (PA).

Intanto, nonostante le smentite dei Ministeri degli Esteri e della Difesa, prosegue il silenzio a Sigonella.

 

 

LEGGI ANCHE:

Attacco USA all’Iran: il drone proveniva dalla Sicilia? Bocche cucite a Sigonella

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.