Irfis, Ircac e Crias fusi: la superbanca siciliana che la Regione vuole far nascere :ilSicilia.it

Il riordino delle partecipate

Irfis, Ircac e Crias fusi: la superbanca siciliana che la Regione vuole far nascere

15 Marzo 2018

Le perplessità non mancano. Gli entusiasmi neanche.  La proposta che Nello Musumeci ha anticipato nel corso della conferenza stampa dei 100 giorni di governo iniziali che prevede un’unica forma per dar vita all’esperienza comune di Irfis, Ircac e Crias, contiene indubbiamente elementi di importante suggestione e potenziale fascino. Rimane adesso da verificare la  traducibilità in forme concrete di questa idea, fortemente voluta dal vicepresidente della Regione Gaetano Armao.

Il quadro delle partecipate siciliane è frammentato e incerto.

Oggi la grande scommessa sembra quella di mettere insieme Irfis, Ircac e Crias. Un’operazione non semplice da realizzare che, dando spazio a un unico soggetto tra i due enti pubblici (Crias e Ircac) e la società (l’Irfis), pone le basi, questo è almeno l’auspicio, a una forte inversione di tendenza nella gestione dei singoli aspetti di ogni mission.

Innanzitutto, si dovrebbero porre in liquidazione i due enti, dopo aver provveduto alla loro soppressione e conferire tutte le attività a Irfis. Un modello, nel caso in cui si perseguisse questa strada, di incorporazione. In realtà l’operazione sarebbe molto più complessa.  Sarebbe necessaria la liquidazione dei due enti al fine innanzitutto di evidenziare, per ciascuno crediti e debiti.

Il vantaggio dell’accorpamento sarebbe legato all’effetto di  un maggiore coordinamento delle politiche del credito e del sostegno alle imprese in Sicilia e di un minore sfilacciamento.

L’attività di tipo parabancario, svolta dalla Regione, è al momento spezzettata in tre tronconi. L’artigianato è a cura della Crias, la cooperazione è nelle mani dell’Ircac, industria e piccola e media impresa risulta affidata a Irfis.

Crias gestisce in totale, attraverso i fondi di rotazione, risorse anticipate e messe in circolo e poi restituite all’ente,  per quasi mezzo miliardo di euro. In termini quindi di patrimonializzazione Irfis finirebbe certamente col beneficiarne in maniera considerevole. Diventerebbe  un player ancora più grosso rispetto ad oggi.

L’accorpamento, sostengono invece i detrattori, contrari all’operazione, sarebbe un favore alle lobby finanziarie e non agli artigiani.

Quale sarà la reazione della politica siciliana e in particolare della traballante maggioranza chiamata a supportare l’esecutivo regionale, dipenderà dalla volontà comune e dal profilo, necessariamente alto, che dovrà essere dato all’operazione.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.