Irsap: il degrado del Centro direzionale di Brancaccio | Video e Foto :ilSicilia.it
Palermo

La struttura è preda di vandali e ladri

Irsap: il degrado del Centro direzionale di Brancaccio | Video e Foto

di
29 Marzo 2018

Faldoni pieni di carte importanti e dati sensibili messi alla rinfusa, coperture di rame divelte e rubate dai ladri, lo stesso dicasi per i pannelli dell’impianto solare a tetto, stanze vandalizzate e attrezzature della mensa saccheggiate. È questo lo stato in cui versano alcuni locali del Centro direzionale dell’Irsap (come si evince dalle immagini e dal video di cui siamo venuti in possesso), l’Istituto nato nel 2012 per sostituire le vecchie e indebitate Aree di sviluppo industriale con l’obiettivo di creare un ente davvero efficiente, capace di incentivare e sostenere l’insediamento e la crescita delle imprese in Sicilia.

Guarda le foto in alto

Costruito nella seconda metà degli anni ’80 e costato più di 20 miliardi delle vecchie lire, il Centro è stato pensato per offrire una molteplicità di servizi alle aziende e ai lavoratori dell’Asi di Brancaccio, a Palermo. È composto da decine di uffici, una sala conferenze da 200 posti e una da 50, una mensa di 200 coperti, un parcheggio di oltre 2mila metri quadrati e svariati altri ambienti. Inoltre, un intero plesso adiacente al corpo centrale, ma sempre facente parte del Centro, è stato affidato ai Vigili del Fuoco.

Guarda il video in basso

Nei primi anni ’90 era dotato anche di una filiale del Banco di Sicilia e di uno sportello postale, mentre sempre in questa struttura hanno avuto sede gli uffici del progetto InLa, promosso dalla Regione per l’inserimento lavorativo dei giovani siciliani, e del Parco scientifico e tecnologico della Sicilia. Una struttura dotata di tutto punto, che doveva essere il cuore pulsante dello sviluppo industriale dell’Isola e che invece è diventata il simbolo dell’incapacità della politica e delle istituzioni di valorizzare gli strumenti di cui dispone.

Molti locali, infatti, sono tutt’oggi inutilizzati. Tra il 2013 e il 2014 lo stesso Irsap, per volontà dell’allora commissario Alfonso Cicero, decide di trasferire gli uffici a Caltanissetta presso la Sor, la sede operativa regionale dell’Irsap opportunamente ristrutturata. Lì resteranno circa un anno per poi ritornare di nuovo a Palermo. Nel frattempo negli uffici del Centro di Brancaccio il disordine e la confusione hanno preso il sopravvento, mentre negli scantinati ha trovato rifugio anche una famiglia di persone indigenti.

A peggiorare la situazione in questi ultimi mesi le frequenti irruzioni di vandali e i ripetuti furti non solo di attrezzature e suppellettili, ma anche di impianti che hanno danneggiato il Centro dal punto di vista infrastrutturale. Proprio a causa della rimozione delle lastre di rame sul tetto in una delle stanze dove lavorano i dipendenti dell’Irsap piove dentro, mentre le infiltrazioni rischiano nel tempo di compromettere la salubrità dei locali e la stabilità dei soffitti.

In questo link le precisazioni dell’Amministrazione Irsap Sicilia.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin