Isis: detenuto fa proselitismo in carcere, trasferito a Siracusa :ilSicilia.it
Siracusa

arrestato per terrorismo

Isis: detenuto fa proselitismo in carcere, trasferito a Siracusa

di
9 Marzo 2021

Per aver fatto proselitismo quando era nel carcere di Opera e aver cercato di reclutare nelle file dell’Isis un detenuto suo connazionale “al fine di commettere attentati in Siria, Libia ed anche in Italia, uccidendo, utilizzando bombe o armi da taglio” , un tunisino di 37 anni si è visto notificare una nuova ordinanza di custodia cautelare in cella a Siracusa dove è stato trasferito.

Il provvedimento, firmato dal gip Anna Magelli, è stato chiesto dai pm Alberto Nobili ed Enrico Pavone. A scoprire l’attività di istigazione a delinquere finalizzata al terrorismo sono stati gli agenti di polizia penitenziaria del carcere milanese.

La polizia penitenziaria di Opera ha accertato che il 37enne Hmidi Saber risulta “appartenere ad un’organizzazione affiliata all’Isis, Ansar AI-Shari’a”, con base in Tunisia e che avrebbe cercato, tra l’autunno 2019 e la primavera 2020, di indurre la sua ‘vittima’ “a raggiungere i teatri di combattimento tunisini e a compiere atti terroristici”.

L’indagato, di cui era già stata segnalata “più volte la pericolosità”, come si legge nelle annotazioni interne e riportate dal gip, avrebbe fatto “qualunque azione pur di scatenare conflitti, promuovere rivolte e sommosse utilizzando i suoi connazionali che aveva preventivamente tentato di fìdelizzare con chiara azioni di proselitismo (. .. ) tutti i soggetti fragili psichicamente che ha costretto a pregare con lui sebbene costoro non fossero particolarmente avvezzi“.

Inoltre “i frequenti atteggiamenti verbalmente e fisicamente aggressivi (…) nei confronti del personale dell’amministrazione carceraria e di altri detenuti”, secondo le relazioni, dimostrerebbero la “capacità di leadership e l’attività di intimidazione posta in essere” da Hmidi allo scopo di reclutare soggetti “vulnerabili e manipolabili“, con il fine ultimo di indurli, al termine del periodo di detenzione, a commettere azioni “pericolose“.

Il tunisino, trasferito ad aprile scorso ad Asti e poi in altri istituti di pena, avrebbe continuato a svolgere “un’intensa opera di indottrinamento e di proselitismo nei confronti dei compagno di detenzione, manifestando (…) un forte disprezzo per i valori occidentali”.

In base alla ricostruzione, avrebbe guidato “gruppi di preghiera da lui stesso formati che si riunivano all’interno” della sua cella durante le “ore di socialità“, durante i quali avrebbe, tra l’altro inneggiato “apertamente agli attentati dell’Isis“.

Hmidi Saber avrebbe “manifestato soddisfazione per i tragici dati numerici delle vittime dell’epidemia di Covid-19 in Italia, che considerava una punizione di Dio per i torti inflitti ai musulmani”. Lo scrive il gip di Milano Anna Magelli nel provvedimento notificato all’uomo ora in cella a Siracusa. La ‘vittima’ ha spiegato che Hmidi “era solito indossare una tuta della Roma e che aveva spiegato che lo faceva perché I’Isis vuole fare la guerra con Roma”.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.