Isis e terrorismo islamico: Toni Capuozzo presenta a Palermo un inedito reportage di guerra :ilSicilia.it
Palermo

Giovedì 11 aprile alle ore 17,30 a Palazzo delle Aquile

Isis e terrorismo islamico: Toni Capuozzo presenta a Palermo un inedito reportage di guerra

di
30 Marzo 2019

Giovedì 11 aprile alle ore 17,30 a Palazzo delle Aquile, il Centro d’Arte Extroart, in collaborazione con le Acli di Palermo ed il Polo Museale regionale d’Arte Moderna e Contemporanea della Sicilia, presenterà un incontro con il giornalista e storico inviato di guerra del TG5 e conduttore di Terra! Toni Capuozzo,  in occasione del suo ultimo libro  “La Culla del Terrore: l’odio in nome di Allah diventa Stato”.

Modera l’incontro Ludovico Gippetto. Interventi di: Giovanni Pepi, Aurelio Pes e Toni Capuozzo. Disegni e colori di Armando Milon Polacco (edizione Signs Publishing).

Come è nato il terrore in nome di Allah? Quando? Dove? 

Toni CapuozzoLe origini dell’attuale terrorismo islamista, delle bandiere nere dell’ISIS, della guerra santa dello stato islamico e dei suoi seguaci contro gli “infedeli” occidentali, vengono raccontati in questa prima, autentica opera di graphic journalism completamente italiana (pensata, sceneggiata, disegnata in Italia).

Uno dei più noti ed amati giornalisti di guerra, Toni Capuozzo, racconta così in prima persona la nascita del terrore in nome di Allah, in un’eccezionale opera a fumetti in bilico tra il reportage di guerra e il diario personale, tra il resoconto storico degli ultimi anni e l’autobiografia.

L’opera è impreziosita dalla presenza di diverse fotografie di Capuozzo inserite all’interno delle tavole disegnate, e da numerosi articoli e lettere dal fronte del celebre giornalista italiano.

Toni Capuozzo

Toni Capuozzo
Toni Capuozzo

Nasce a Palmanova, in provincia di Udine, nel 1948. Laureato in sociologia presso l’Università di Trento, diventa giornalista professionista nel 1983. Scrive per “Reporter” e per i periodici “Epoca” e “Panorama mese”.

Vicedirettore del TG5 e conduttore della trasmissione giornalistica settimanale “Terra!”. Inviato di guerra per diverse testate giornalistiche televisive, ha seguito i conflitti nei balcani, in Somalia, in Medio Oriente, in Afghanistan, in Iraq…

Armando Milon Polacco

Nasce a Trieste nel 1993. Dopo aver conseguito il diploma all’Istituto d’Arte di Trieste, si iscrive alla “Scuola Internazionale di Comics” di Padova per avvicinarsi al mondo del fumetto, da sempre sua grande passione. La “Culla del Terrore” è il suo debutto editoriale.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin