Isola Bella, i soliti incivili in azione. Legambiente: "Necessaria una pulizia migliore" :ilSicilia.it
Messina

rifiuti nella riserva naturale

Isola Bella, i soliti incivili in azione. Legambiente: “Necessaria una pulizia migliore”

di
3 Agosto 2022

Il picco di presenze a Taormina arriverà nei prossimi giorni, nell’estate che sta facendo registrare il gran pienone in città, la Riserva Naturale Orientata di Isola Bella è già stata presa d’assalto dai vacanzieri e anche quest’anno si ripete l’inciviltà di chi non fa si fa scrupoli a sporcare l’oasi naturalistica.

Il Circolo Taormina-Valle Alcantara di Legambiente pone un interrogativo: “Isola Bella è o una Riserva o una non Riserva?”.

“A prescindere dal fatto che la riteniamo tale o meno si tratta di uno dei luoghi iconici di Taormina – spiega Annamaria Noessing, presidente del Circolo Taormina-Valle Alcantara di Legambiente -. Non discutiamo su chi gestisce tale luogo, almeno non ora e qui, ma facciamo un appello al Comune di Taormina, almeno perché faccia scendere ogni tanto la Tekra (la ditta preposta alla raccolta rifiuti, ndr) a dare una ripulita. Chi gestisce domani può non farlo più, ma noi rimaniamo. L’immagine di Taormina rimane e viaggia nel mondo a favore o a sfavore nostro“. C’è anche chi ipotizza che magari la situazione possa migliorare magari con qualche iniziativa ad hoc che veda impegnati dei volontari per tenere pulita la Riserva di Isola Bella. “Il volontariato è una gran cosa, ma qui non servono azioni una tantum ma manutenzione ordinaria, costante, e calendarizzata”, spiega Noessing.

Fatto sta che alle porte del periodo in cui Isola Bella verrà invasa, da qui almeno sino al 20 agosto, da tantissima gente, la spiaggia è stata presa di mira da persone che vanno in spiaggia, si concedono un bagno, un’escursione o magari vanno nell’isolotto e, prima di andare via, lasciano i rifiuti nella Riserva, dietro le piante, o persino sugli scogli. Bisognerebbe potenziare certamente la raccolta rifiuti ma si dovrebbe soprattutto realizzare l’iniziativa, da tempo auspicata da più parti, di dotare l’area naturalistica di alcune telecamere, con un sistema di videosorveglianza che possa in qualche modo proteggere Isola Bella e fare da deterrente contro la superficialità e la stupidità di chi sporca questo bellissimo luogo e che, magari, potrebbe così essere individuato e multato.

Da tempo si parla anche dell’opportunità di far diventare realtà una “rivoluzione” per l’accesso ad Isola Bella, con l’ingresso contingentato per evitare le scene che si vedono (e si rivedranno, ancora di più, a breve) del tutto esaurito agostano, che trasforma la Riserva in una sorta di “carnaio”, come lo ha ribattezzato il vicepresidente di Patrimonio Sicilia, Piero Arrigo, che a sua volta ha posto l’attenzione sull’esigenza di attenuare la pressione antropica che grava su Isola Bella. Una pressione che poi si traduce anche nell’inciviltà di diverse persone che non si fanno problemi a sporcare uno dei posti più ammirati della Sicilia.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro