Isole Egadi, vertice alla Regione: ecco i programmi per Levanzo, Favignana e Marettimo :ilSicilia.it
Trapani

Riunione fiume di 8 ore, Pagoto: "incontro storico"

Isole Egadi, vertice alla Regione: ecco i programmi per Levanzo, Favignana e Marettimo

di
19 Novembre 2019

“Un incontro storico per molti aspetti. Con un metodo nuovo di affrontare le questioni relative agli enti locali rispetto al passato. Ringrazio il Presidente e la sua Giunta per l’attenzione che è stata rivolta alle isole minori e per le importanti realizzazioni programmate, che consentiranno una migliore qualità della vita non solo ai turisti ma anche a chi nelle isole vive tutto l’anno”.

Esprime soddisfazione il sindaco delle Isole Egadi, Giuseppe Pagoto, in seguito alla riunione fiume tenuta ieri a Palazzo d’Orleans a Palermo, con l’unico obiettivo di analizzare i problemi che interessano le isole e definire quanto necessario per risolverli. All’incontro il sindaco era presente con il vice sindaco, Lorenzo Ceraulo, il presidente del Consiglio Comunale, Ignazio Galuppo e il responsabile dell’Ufficio Tecnico, Giuseppe Alcamo.

“Da tantissimi anni – dice – non si assisteva a un incontro così, partecipato oltre che dai sindaci e del Presidente della Regione, anche da tutti, o quasi, gli assessori regionali e dalla dirigenza al completo. È stata una riunione pratica, tecnica e concreta, volta ad analizzare molte problematiche che, se pur con qualche differenza, vengono vissute da tutti gli abitanti delle isole della Sicilia”.

Nel dettaglio gli amministratori hanno presentato diverse schede e affrontato diversi argomenti e problemi ai quali sono state trovate le soluzioni, dando mandato ai dirigenti di trovarne di ulteriori: dal tema del caro carburante ai problemi delle guardie mediche, dalla ricerca di servizi migliori al potenziamento del servizio pediatrico, dai beni culturali e, nel caso delle Egadi dell’ex Stabilimento Florio, al sistema idrico, a quello delle fognature, all’energia, alla realizzazione della depurazione sulle tre isole, alle manutenzioni straordinarie per le strade, fino alla realizzazione delle piccole stazioni marittime a Levanzo, Favignana e Marettimo entro il mese di maggio 2020; si è discusso ancora della conferma dei finanziamenti per i Porti di Marettimo e Favignana, entro la primavera del 2020, della caccia, relativamente a Marettimo, dei problemi della pesca artigianale, della Tonnara.

Tonnara di FavignanaOtto ore in cui gli argomenti sono stati tanti, da quelli più trasversali che coinvolgono tutte le isole allo stesso modo, a quelli più particolari che riguardano le Isole Egadi nel dettaglio, tra cui anche la manutenzione degli edifici scolastici e il sostegno per gli anziani. Sono stati adottati anche dei provvedimenti sul settore turistico. “Il Presidente – sottolinea Pagoto – ha fatto la regia su tutta una serie di interventi con una gestione complessiva delle varie iniziative. Non era affatto semplice, tutt’altro. Si è anche discusso del Piano di Protezione Civile di tutte le isole, ma abbiamo chiaramente stralciato il tema legato ai trasporti marittimi perché su questo c’è un tavolo permanente con delle riunioni continue cui partecipiamo regolarmente. A mia memoria non era mai successo”.

Nel mese di luglio il Presidente Musumeci aveva appreso, nel corso di un giro delle isole, dell’esigenza di avere un riparo che fosse il più decoroso possibile, per i turisti e per i residenti. Per questo sono state anche individuate le aree, in tutte e tre le isole Egadi, in cui realizzarlo, con i servizi igienici e prima della prossima estate.

E’ già stato trovato l’accordo con le Soprintendenze, e la presenza ieri anche dei responsabili degli uffici tecnici è stata la dimostrazione della volontà di far elaborare al più presto e bene gli interventi da eseguire. Non una riunione politica, insomma, ma più tecnica e operativa, alla presenza dei funzionari comunali e dei dirigenti regionali che seguono tutto negli uffici preposti. Tra tre mesi si terrà un nuovo appuntamento; nel frattempo i Comuni invieranno le schede richieste agli assessori regionali e al Presidente, e all’assessorato agli enti locali è stato dato incarico di fare da supporto a tutti i Comuni e verificare il cronoprogramma delle iniziative.

“Ci è stata riconosciuta, intanto, la grande esigenza di attenzione e di ascolto”, conclude Pagoto.

Estremamente soddisfatto anche il Presidente del Consiglio Comunale, Ignazio Galuppo, che fa riferimento nel dettaglio alla realizzazione delle stazioni marittime e ai finanziamenti per i Porti: “Sono stati assunti impegni precisi da concretizzare entro il mese di maggio del nuovo anno. Il Presidente ha manifestato una forte determinazione per la risoluzione di questioni importanti che il territorio vive in attesa di soluzioni. Quella di ieri è stata una riunione proficua e concreta. A nome dell’intero  Consiglio comunale e della comunità egadina ringrazio il Governo regionale per gli intenti e la conduzione della riunione”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Immagina…

Immagina la “normalità” quale unico “manifesto per il futuro”. Il fallimento di una certa politica sta nel fatto di volerti vendere per straordinario tutto ciò che universalmente sarebbe stato normale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
La GiombOpinione
di Il Giomba

Andrà tutto bene(?)

È un anno intero, e anche qualcosa di più, che mi sento ripetere questa frase. Ma come faccio a pensare che andrà tutto bene?
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin