Istituti autonomi case popolari, in Sicilia una scommessa a perdere. :ilSicilia.it

L'edilizia popolare

Istituti autonomi case popolari, in Sicilia una scommessa a perdere

25 Gennaio 2018

Da emergenza abitativa a deriva clientelare in Sicilia, da sempre il passo è stato breve. Oggi il governo regionale dovrà confrontarsi, dopo gli annunci della campagna elettorale, con il riordino degli Iacp  che costituiscono da sempre  lo specchio di contraddizioni antiche su cui la politica ha investito spesso molto e male. L’attività di vigilanza sugli Iacp è esercitata dall’assessorato Infrastrutture e Mobilità che vuole mettere ordine in materia nei territori siciliani

Dall’assessorato assicurano che il primo passo da compiere nell’ottica di agire in profondità, riguarda innanzitutto una ricognizione di carattere degli immobili che devono essere messi a reddito.  Sembra una storia surreale, ma è invece una triste realtà: alcuni degli Iacp riescono a farlo fino al 60%, altri  la cui capacità di riscossione è di gran lunga inferiore e si ferma  al 40%. Lo Iacp di Agrigento ha un bilancio di circa 5 milioni di euro all’anno con 7mila immobili per l’intero territorio della provincia, eppure i bilanci consuntivi non sono approvati dal 2010.

Sul tavolo dell’assessore a Infrastrutture e mobilità Marco Falcone, il dossier sugli Iacp è stato uno dei primi ad arrivare. Enti che potrebbero passare come competenze alle ex Province. Nelle more che ciò accada e si possa realizzare la riforma organica che manca, in Italia le uniche regioni che non hanno provveduto a cambiare le regole e a disciplinare le funzioni sono Sicilia e Campania, la Regione pensa a gestire la transizione a cominciare dalla governance. Oggi gli istituti operano in base alla legge 865/71. La Regione ha competenza specifica che proviene dallo Statuto, ma non ha provveduto ancora alla riforma di settore degli enti.

Gli Iacp, che sono enti pubblici non economici, autonomi finanziariamente ed erogatori di servizi, hanno perso  tra le fonti di finanziamento quella delle competenze tecniche di progettazione e direzione dei lavori.

L’Amap di Palermo, per esempio, vanta nei confronti dello Iacp di Palermo un credito di 16 milioni di euro. Un debito che rischia di mettere a repentaglio l’intera tenuta della struttura palermitana. E poi c’è il social housing. Il settore dell’edilizia agevolata ha in cassa 60 milioni di euro avendo anche individuato il Fondo Esperia, il cui principale investitore è il Fia- Fondo investimenti per l’Abitare gestito da CDP Investimenti Sgr.

Oltre alle istituzioni pubbliche, possono partecipare  a questo tipo di interventi abitativi le cooperative edilizie di abitazione e loro consorzi, imprese di costruzione, associazioni imprenditoriali, fondazioni, enti anche religiosi, Istituti di pubblica beneficenza e assistenza (IPAB), imprese sociali e cooperative che hanno fra i loro scopi la realizzazione di interventi di edilizia sociale, operatori finanziari come le società di gestione dl risparmio e fondi immobiliari da esso gestiti, istituti finanziari, società di sviluppo immobiliare e soggetti privati, singoli o associati.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.