Istituto superiore di giornalismo di Palermo, Aricò: ''I dipendenti dovrebbero essere garantiti'' :ilSicilia.it
Palermo

Attendono ancora 20 mensilità

Istituto superiore di giornalismo di Palermo, Aricò: ”I dipendenti dovrebbero essere garantiti”

di
12 Giugno 2019

Alessandro Aricò, capogruppo all’assemblea regionale siciliana di DiventeràBellissima, in merito alla chiusura dell’Istituto superiore di giornalismo si è schierato in difesa dei dipendenti e ha affermato: ”Il processo di liquidazione dell’Istituto superiore di giornalismo di Palermo deve essere attivato in maniera celere e adeguata, e i dipendenti dovrebbero essere garantiti sia con il pagamento degli arretrati che con un’eventuale ricollocazione lavorativa”.

Il capogruppo di DiventeràBellissima ha, inoltre, evidenziato che ”persiste lo stato di agitazione dei dipendenti che non percepiscono emolumenti da circa venti mesi e temono seriamente per il loro futuro e quello delle loro famiglie”.

”Il 19 marzo 2019 – ha proseguito Aricò – dopo 65 anni di attività, l‘Istituto superiore di giornalismo di Palermo è stato chiuso tramite un decreto regionale di estinzione della Fondazione. Tuttavia, ambedue i commissari liquidatori nominati dall’assessorato all’istruzione, l’avvocato Guglielmo Nicastro e il dottor Fabrizio Escheri, hanno immediatamente rassegnato le dimissioni dall’incarico”.

Il capogruppo dell’Ars di DiventeràBellissima ha poi concluso: “Negli ultimi anni, così come più volte denunciato dai dipendenti, l’Istituto ha vissuto momenti bui a causa di un’amministrazione poco trasparente. Oggi la triste realtà: chiude i battenti e i dipendenti attendono le spettanze di 20 mensilità e attualmente si trovano negli uffici di via Briuccia che, come si evince dal decreto, è oggetto di sfratto”.

Da qui, l’interrogazione di Aricò rivolta all’assessore Roberto Lagalla per conoscere quali iniziative intenda adottare per procedere celermente alla liquidazione dell’Istituto e garantire i diritti dei dipendenti.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.