Italia Futura: le proposte di Anpit per il rilancio. Centinaio: “Ripartire presto” :ilSicilia.it

l'evento online

Italia Futura: le proposte di Anpit per il rilancio. Centinaio: “Ripartire presto”

di
13 Aprile 2021

Riaperture in sicurezza, bonus “scaricatutto”, Naspi rafforzata e riforma fiscale. Sono i punti principali del documento “Italia Futura: idee per il rilancio” che l’Anpit ha presentato alle Camere. Un’attenzione particolare deve essere posta al turismo in ottica “covid Free”. Le proposte sono state al centro dell’evento online che ha visto gli interventi del sottosegretario al Mipaaf Gian Marco Centinaio, dell’on. Stefano Fassina della Commissione Bilancio della Camera, del Presidente di Coldiretti, Ettore Prandini, di Franco Maria Ricci, Presidente della Fondazione Italiana Sommelier e del Presidente di Anpit Federico Iadicicco.

Occorre stimolare i consumi introducendo una detrazione fino a 5mila euro per l’acquisto dei beni di consumo, una sorta di “scaricatutto”- ha spiegato il presidente Anpit Federico Iadicicco– E ancora, favorire il passaggio dagli ammortizzatori sociali Covid ad una forma rafforzata della Naspi, per aiutare le imprese a riprogrammare e superare il blocco dei licenziamenti. Infine, detassare gli utili reinvestiti”.

Il sottosegretario all’Agricoltura Centinaio ha apprezzato le proposte programmatiche presentate dall’Anpit consapevole “che i contributi non potranno mai colmare i vuoti lasciati dalla crisi. Nel settore turistico servono iniziative volte a sostenere le imprese nell’immediato come le isole covid-free. Per il futuro investire in infrastrutture materiali e immateriali”.

Grande attenzione nel corso degli interventi è stata posta alle tematiche della digitalizzazione, della riforma fiscale e dello snellimento della burocrazia, anche per allineare l’Italia al resto d’Europa.

L’estate è alle porte- è il commento della presidente Anpit Sicilia Lidia Dimasi-Alcuni Paesi, come la Grecia e la Spagna, stanno avviando azioni per essere covid-free e rilanciare in modo forte il turismo. L’Italia non può restare indietro. Come ha ben chiarito il sottosegretario Centinaio rendere tempestivamente zone turistiche covid free è uno dei passi decisivi. Vale per le nostre isole minori, come per l’intera Sicilia che nulla ha a che invidiare alla Magna Grecia. Dobbiamo però evitare l’insorgere di guerre per il covid free e salvaguardare il valore aggiunto per l’economia di tutte le imprese”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti