24 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.32

Il Settebello rimonta e vince nel finale, ipotecato il primo posto

Italia-Montenegro 11-10, Sandro Campagna: “Pubblico meraviglioso” (VIDEO)

31 Gennaio 2019

Il pensiero dell’allenatore del Settebello, Sandro Campagna, che commenta la partita che ha vissuto momenti di grande difficoltà per gli azzurri quando il Montenegro aveva allungato e per 12 minuti l’Italia non era riuscita ad andare in gol , poi è cambiato tutto  con la rimonta e nel finale il gol vittoria e con il pubblico entusiasta tutti insieme a festeggiare questo importante successo.

Decisivo il gol a 91 secondi dalla sirena di Di Fulvio, autore di cinque reti come Ivovic.

In coda all’intervista la consegna di un Premio quale riconoscimento per Campagna allenatore della nazionale di pallanuoto, che è entrato nella “Hall of Fame” mondiale degli sport acquatici .

Il prossimo 18 maggio, con la tradizionale cerimonia nella sede di Fort Lauderdale, in Florida, Sandro Campagna entrerà a far parte della “Swimming Hall of Fame”.

Fondata nel 1965, la ISHOF si occupa di “promuovere la diffusione e l’insegnamento del nuoto in tutto il mondo, nonché di onorare tutti coloro che si sono particolarmente distinti nel campo del nuoto e del nuoto di fondo, del nuoto sincronizzato, dei tuffi, e della pallanuoto”.

Sandro Campagna, allenatore della nazionale italiana di pallanuoto, è il 17° italiano entrato nella “Hall of Fame”.

 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.