Italia Viva a Catania: Matteo Renzi contro Musumeci, Salvini e i 5Stelle :ilSicilia.it

tappa siciliana dell'ex premier

Italia Viva a Catania: Matteo Renzi contro Musumeci, Salvini e i 5Stelle | Video intervista

di
16 Novembre 2019

GUARDA LA VIDEO INTERVISTA IN ALTO

Italia Viva fa tappa a Catania alle Ciminiere in una sala gremita di gente composta anche da ex politici del Pd e non solo.

Ad accompagnare l’ex premier Renzi sul palco, il patron di casa Luca Sammartino insieme ai suoi colleghi del gruppo parlamentare dell’Ars (Edi Tamajo, Nicola D’Agostino, Giovanni Cafeo). Presenti anche i senatori Valeria Sudano, Davide Faraone, il ministro Teresa Bellanova e l’immancabile coordinatore di Italia Viva, Ettore Rosato. Un susseguirsi di interventi sino ad arrivare a quello più atteso: ossia del leader del nuovo partito Matteo Renzi.

La prima affermazione di Renzi in merito alla Sicilia è rivolta al governatore Musumeci: “Caro governatore sbloccaci i 6 miliardi di euro che il governo Renzi ha messo con i Patti territoriali e che sono fermi e che devono essere spesi. Questo è il presente della Sicilia, poi sul futuro ci sarà modo di pensare e ragionare“.

Poi parla del suo partito e dell’elettorato mobile siciliano: “Non facciamo troppi ragionamenti astratti, Italia Viva nasce per dare risposte concrete: sblocchiamo i cantieri affinché la gente abbia un lavoro e non il reddito di cittadinanza. Noi dobbiamo dare lavoro di cittadinanza.

In questa regione, dove c’è stato il 61-0 del centrodestra nel 2001, un anno e mezzo fa il M5S  ha preso percentuali bulgare. Quindi c’è un elettorato che vota di volta in volta soggetti diversi. Io penso che una larga parte dell’elettorato moderato siciliano che rifiuta gli estremismi non può stare dentro la  scommessa politica di Matteo Salvini, perché è lui la negazione di chi  pensa che la politica sia riformismo e moderazione: Salvini è  l’estremista per definizione. Molta gente che in passato ha votato Forza Italia – ha osservato Renzi – sicuramente voterà per noi“.

Ma Matteo Renzi tiene a precisare che: “Con il governo Salvini-Di Maio lo scorso anno è successa un cosa brutta: il Pil dell’Italia che era salito a +1,7% è scivolato a zero. E questo è un dramma, perché vuol dire meno posti di lavoro. Noi abbiamo fatto un governo di emergenza con i M5S perché c’era Salvini che ci voleva fare uscire dall’Euro e che voleva andare a elezioni perché voleva pieni poteri. Però l‘accordo con i Cinquestelle riguarda questa contingenza col governo nazionale e basta. Per il resto non siamo d’accordo con loro e il simbolo di tutto questo è il reddito di cittadinanza“.

 

LEGGI ANCHE:

Caos nel PD: a Messina si dimettono Starvaggi e Laccoto

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Saghe familiari: Ray Donovan, Peaky Blinders

Ci sono serie o miniserie tv diverse dalle altre perché piuttosto che raccontare le vicende di singoli personaggi hanno come protagonisti degli interi gruppi familiari. In questi casi le  dinamiche narrative sono diverse, più complesse ed articolate e si sviluppano  in  storie totalmente

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin