Italia Viva, Azione e +Europa cespugli senza futuro a Roma e a Palermo :ilSicilia.it

l'approfondimento

Italia Viva, Azione e +Europa cespugli senza futuro a Roma e a Palermo

di
21 Ottobre 2020

Ogni tanto si torna a parlare, specialmente in Sicilia, di partito dei moderati. Cosa sia, però, ancora non l’ha spiegato nessuno. Dovrebbe mettere insieme Italia viva di Matteo Renzi, Azione di Carlo Calenda e +Europa di Emma Bonino. Cosa abbiano in comune questi tre cespugli non lo so: Renzi è un ex democristiano; Calenda rappresenta il padronato; Bonino fa parte della migliore espressione del pensiero radicale. Secondo i desideri di alcuni, non pochi per la verità, del rassemblement potrebbe fare parte anche Forza Italia, ma chi conosce bene Silvio Berlusconi tende ad escludere una simile eventualità. Perché, una cosa è fare parte di una coalizione che lotta per tornare al governo del Paese, come può fare l’attuale centrodestra; un’altra cosa sarebbe aggiungersi a movimenti che a malapena riuscirebbero, messi insieme, a superare lo sbarramento del 5%.

Italia Viva, Azione e +Europa nell’Isola hanno percentuali residuali. E’ vero che Iv in qualche comune ha toccato picchi di consenso elevati, ma solo perché in questo o quel paese c’è stata l’influenza di qualche capataz. A ben guardare c’è una notevole differenza tra i voti conquistati dai renziani in Sicilia orientale rispetto a quelli ottenuti nella Sicilia occidentale. La bilancia pende nettamente verso Levante. Non si può escludere nulla, ovviamente. Neanche che improvvisamente Renzi decida di tornare nel Pd. Il fondatore di Italia viva è luciferino, lasciatevelo dire da uno di diavoli se ne intende.

Calenda, nell’Isola, non sembra avere adepti, tranne qualche transfuga di partito. Bonino può contare su uno zoccolo duro di radicali che si va assottigliando sempre di più. E poi, volere definire “moderati” i radicali è una evidente contraddizione. Neanche la Dc, secondo me, poteva essere definita “partito moderato”. Era piuttosto una federazione di correnti dove stavano insieme cattolici tradizionalisti, cattolici democratici, liberali alla don Sturzo, giustizialisti come Rosi Bindi. Correnti che stavano insieme perché anticomuniste. Infatti, quando il comunismo si è autodistrutto, si è liquefatta anche la Democrazia cristiana.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin