Italia viva fuori dalla maggioranza, Orlando: "Io vado avanti. Pronto anche a ritirare le deleghe" :ilSicilia.it

Comune di Palermo

Italia viva fuori dalla maggioranza, Orlando: “Io vado avanti. Pronto anche a ritirare le deleghe”

di
18 Aprile 2021

“Questa stessa componente politica (Italia Viva, ndr) fa seguire una proposta di azzeramento della giunta sul modello Draghi, per formare una maggioranza con la presenza della lista Salvini. Si tratta di una proposta irricevibile. La lista Salvini in maggioranza per me e’ una provocazione“.

Lo ha detto il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, in una conferenza stampa online in cui ha puntato il dito contro Italia Viva dopo le bocciature di bilancio consolidato e programma triennale delle opere pubbliche dal Consiglio Comunale in cui ha fatto anche pervenire una proposta di azzeramento della maggioranza come avvenuto a livello nazionale col governo Draghi.

Nel 2017 gli elettori hanno scelto una coalizione e un programma, mentre a livello nazionale nel 2018 non e’ successo questo – ricorda il sindaco – Nel 2017 la mia maggioranza era molto chiara e in perfetta continuita’ col 2012, a livello nazionale invece sono uscite fuori solo una serie di minoranze”.

Una scelta, quella di includere anche la lista Salvini, considerata irricevibile da parte di Orlando: “Voglio apprezzare coloro che hanno fatto opposizione in maniera costruttiva. Da questo discorso escludo la lista Salvini perche’ non ha mai votato una sola delibera, conferma che la irricevibilita’ della proposta di Italia Viva e’ ulteriormente fondata”.

“Corrisponde a una logica di assoluta mancanza di senso – prosegue Orlando – C’e’ un nervosismo registrato negli ultimi mesi che ha anche caratterizzato la guida del consiglio Comunale, diventato un luogo per processare dirigenti dell’amministrazione. E’ una mortificazione per tutto il consiglio comunale continuare a tenere in piedi una finta maggioranza, e’ un’operazione che la citta’ non merita. Ognuno si guardi allo specchio“.

Orlando elenca tutte le conseguenze dirette della mancata approvazione in Consiglio Comunale: “La mancata approvazione comporta impossibilita’ assunzioni e il blocco assoluto di operazioni per il potenziamento della macchina comunale. La mancata approvazione del programma triennale delle opere pubbliche fa perdere 45 milioni per il tram, undici milioni per l’illuminazione e 58 milioni per i fondi Gescal, 90 milioni per i fondi Cis e per altre operazioni. Sono blocchi che fanno riferimento a somme di bilancio comunale di derivazione europea. Sono somme che si perdono con evidente responsabilita’ erariale. Le due proposte saranno riproposte. Si possono emendare le delibere, ma e’ inaccettabile bloccarle“, aggiunge.

“Io vado avanti nell’interesse della citta’, per il bene del programma deciso nel 2017. Sono io a scegliere gli assessori in base alle loro sensibilita’ politiche, se non sentono piu’ di volere essere in linea con queste ritirero’ la delega, se vorranno ancora pensare di allargare la maggioranza e di renderla un Vietnam. A quel punto saro’ costretto a rimuoverli se vorranno restare nella loro contraddizione, lo verificheremo alla prima Giunta – Conclude Leoluca Orlando – . La posizione assunta da Italia Viva permette finalmente di fare chiarezza”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco