Italia viva fuori dalla maggioranza, Orlando: "Io vado avanti. Pronto anche a ritirare le deleghe" :ilSicilia.it

Comune di Palermo

Italia viva fuori dalla maggioranza, Orlando: “Io vado avanti. Pronto anche a ritirare le deleghe”

di
18 Aprile 2021

“Questa stessa componente politica (Italia Viva, ndr) fa seguire una proposta di azzeramento della giunta sul modello Draghi, per formare una maggioranza con la presenza della lista Salvini. Si tratta di una proposta irricevibile. La lista Salvini in maggioranza per me e’ una provocazione“.

Lo ha detto il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, in una conferenza stampa online in cui ha puntato il dito contro Italia Viva dopo le bocciature di bilancio consolidato e programma triennale delle opere pubbliche dal Consiglio Comunale in cui ha fatto anche pervenire una proposta di azzeramento della maggioranza come avvenuto a livello nazionale col governo Draghi.

Nel 2017 gli elettori hanno scelto una coalizione e un programma, mentre a livello nazionale nel 2018 non e’ successo questo – ricorda il sindaco – Nel 2017 la mia maggioranza era molto chiara e in perfetta continuita’ col 2012, a livello nazionale invece sono uscite fuori solo una serie di minoranze”.

Una scelta, quella di includere anche la lista Salvini, considerata irricevibile da parte di Orlando: “Voglio apprezzare coloro che hanno fatto opposizione in maniera costruttiva. Da questo discorso escludo la lista Salvini perche’ non ha mai votato una sola delibera, conferma che la irricevibilita’ della proposta di Italia Viva e’ ulteriormente fondata”.

“Corrisponde a una logica di assoluta mancanza di senso – prosegue Orlando – C’e’ un nervosismo registrato negli ultimi mesi che ha anche caratterizzato la guida del consiglio Comunale, diventato un luogo per processare dirigenti dell’amministrazione. E’ una mortificazione per tutto il consiglio comunale continuare a tenere in piedi una finta maggioranza, e’ un’operazione che la citta’ non merita. Ognuno si guardi allo specchio“.

Orlando elenca tutte le conseguenze dirette della mancata approvazione in Consiglio Comunale: “La mancata approvazione comporta impossibilita’ assunzioni e il blocco assoluto di operazioni per il potenziamento della macchina comunale. La mancata approvazione del programma triennale delle opere pubbliche fa perdere 45 milioni per il tram, undici milioni per l’illuminazione e 58 milioni per i fondi Gescal, 90 milioni per i fondi Cis e per altre operazioni. Sono blocchi che fanno riferimento a somme di bilancio comunale di derivazione europea. Sono somme che si perdono con evidente responsabilita’ erariale. Le due proposte saranno riproposte. Si possono emendare le delibere, ma e’ inaccettabile bloccarle“, aggiunge.

“Io vado avanti nell’interesse della citta’, per il bene del programma deciso nel 2017. Sono io a scegliere gli assessori in base alle loro sensibilita’ politiche, se non sentono piu’ di volere essere in linea con queste ritirero’ la delega, se vorranno ancora pensare di allargare la maggioranza e di renderla un Vietnam. A quel punto saro’ costretto a rimuoverli se vorranno restare nella loro contraddizione, lo verificheremo alla prima Giunta – Conclude Leoluca Orlando – . La posizione assunta da Italia Viva permette finalmente di fare chiarezza”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.