"Italoamericani: Ambasciatori di Italianità": una storia di cui essere orgogliosi :ilSicilia.it
Messina

A Roma la mostra del fotografo messinese Maricchiolo

“Italoamericani: Ambasciatori di Italianità”: una storia di cui essere orgogliosi

di
9 Luglio 2019

“Italoamericani: Ambasciatori di Italianità” – I volti e le storie degli italiani che hanno fatto grande l’America, è il titolo e tema di una mostra di Franco Maricchiolo inaugurata oggi presso il Chiostro della Cisterna di Palazzo San Macuto – Camera dei Deputati a Roma.

La mostra del fotografo messinese (che sarà aperta martedì dalle 15 alle 18 e nei giorni 10 e 11 luglio dalle ore 10 alle 18) è stata presentata dalle onorevoli Matilde Siracusano e Fucsia Nissoli Fitzgerald, alla presenza della senatrice Urania Papatheu.

“Franco Maricchiolo con i suoi scatti – spiega Urania Papatheu – è un simbolo ma anche un alfiere dell’Italia nel mondo. I volti da lui ritratti raccontano storie e personaggi ma soprattutto evidenziano quanto sia importante, oggi più che mai, la nostra identità e il legame con il proprio territorio. Non a caso ho voluto ringraziare Maria Grazia Cucinotta, una grande attrice, ma soprattutto una donna sempre presente sul territorio, che non lo ha mai lasciato a dispetto dei tanti impegni nel mondo e che anzi ovunque ha portato la sua messinesità con orgoglio. Io che sono di Catania, vivo a Taormina ma conosco bene Messina comprende bene questo sentimento di amore vero per questo nostro territorio e credo che da qui si debba ripartire per dare un senso al futuro e un messaggio positivo anche alle nuove generazioni”.

“Uomini e donne illustri – continua Papatheu – non hanno dimenticato e non hanno perso di vista l’Italia e un altro grande esempio è l’ambasciatore Francesco Paolo Fulci, che dalle Nazioni Unite sino alla presidenza di Ferrero, ha portato il nostro Paese in alto nel mondo e che ad 89 anni ha voluto onorare Franco Maricchiolo e dare quel messaggio forte ed essenziale: gli italiani che vivono fuori difendono la loro italianità e ne vanno fieri. L’identità perduta va ritrovata, è orgoglio e vanto. L’Italia non e solo pizza e mandolino, qui non ci sono soltanto valigie di cartone ma arricchimento culturale ed economico. Non possiamo assistere inerti alla fuga di cervelli di chi se ne va e poi non torna qui. Questo Governo, come i più recenti, non si preoccupa del depauperamento delle nostre eccellenze intellettuali e professionali e non comprende che non ci può essere un futuro se non si pone un argine alla desertificazione sociale e al fenomeno della manovalanza di chi viene sfruttato e non ha nemmeno la creatività e l’abilità italiana”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin