22 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 11.00
Palermo

Protesta contro i 526 licenziamenti annunciati dalla società di vigilanza

Ksm, domani sciopero dei lavoratori e sit-in davanti la Prefettura

13 Giugno 2017

ksm corteoDomani i lavoratori Ksm incroceranno le braccia per scendere in corteo, da piazza Crispi fino alla Prefettura, contro i 526 licenziamenti annunciati dalla società di vigilanza con la procedura di mobilità avviata lo scorso 29 marzo. La vertenza che riguarda una delle aziende più importanti sia a livello regionale che nazionale, di proprietà della famiglia Basile, si trascina da settimane e nonostante le manifestazioni e gli incontri non sembra trovare nessuna soluzione alternativa.

“È trascorso un mese e mezzo senza che si sia riusciti ad individuare un percorso condiviso per la salvaguardia occupazionale. Venerdì saremo all’Ufficio Provinciale del Lavoro, per proseguire il confronto in sede istituzionale, ma se l’azienda non rivede la propria posizione, a partire dall’esubero dichiarato, difficilmente potremo trovare un accordo. Il supporto delle istituzioni, della Prefettura, è assolutamente indispensabile”. Dichiara Monja Caiolo, segretario della Filcams Cgil di Palermo.

 

L’intero comparto è in sofferenza poiché spesso gli operatori si aggiudicano i servizi ad un costo orario che non consente loro di coprire nemmeno le spese. Per cui i margini di guadagno sono molto risicati o inesistenti. In alcuni casi, addirittura, le società vanno in perdita. Una situazione che ha richiamato l’attenzione delle Prefetture, dove sono stati istituiti dei tavoli permanenti composti dagli enti coinvolti, come l’Inps e gli Ispettorati del lavoro, dai rappresentanti delle associazioni di categoria e da quelli dei lavoratori.

Secondo Mimma Calabrò, segretario regionale di Fisascat Cisl “è necessario mettere ordine a tutto il settore. E’ già stato avviato un ragionamento con le Prefetture di tutta la Sicilia. Ksm deve salvaguardare tutti i livelli occupazionali, perché si tratta di lavoratori che hanno già fatto molti sacrifici per tutelare il proprio posto di lavoro. Bisogna monitorare i cambi di appalto affinchè vengano rispettati i criteri previsti dal contratto nazionale”.

Per Marianna Flauto, segretario generale della Uiltucs Sicilia, “l’obiettivo è ancora una volta quello di sensibilizzare le istituzioni nei controlli e nelle azioni necessarie a garantire il rispetto dei contratti nel settore della vigilanza privata. La Ksm lamenta proprio questa giungla di tariffe concausa dei licenziamenti. Chiaramente chiediamo anche misure alternative a salvaguardia dei livelli occupazionali, i lavoratori non possono pagare gli effetti di questa situazione di caos che in passato anche le stesse imprese hanno alimentato attraverso i network”.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.