L' "Acchianata" al Santuario: Palermo festeggia Santa Rosalia :ilSicilia.it
Palermo

al via le celebrazioni

L’ “Acchianata” al Santuario: Palermo festeggia Santa Rosalia

di
2 Settembre 2018

Culmineranno il 4 settembre le celebrazioni per la Santuzza, Santa Rosalia patrona di Palermo. La leggenda tramandata dal culto vuole che abbia liberato la città dalla peste, oggi sono di diverso cabotaggio le istanze che i fedeli fanno attraverso le loro preghiere. Non per questo meno importanti.

Basta salire al Santuario, in cima al Monte Pellegrino per osservare gioielli e offerte di tutti i tipi corredati da messaggi struggenti che invocano ora una gravidanza, ora la guarigione per un genitore in fin di vita, ora un posto di lavoro. L’insondabile delegato al destino, per chi ci crede, ogni anno in quest’occasione rende gli strati sociali palermitani più vicini.

Sul filo della livella della speranza, da lunedi 3 settembre partono le celebrazioni, i più coraggiosi troveranno attraverso la preghiera la forza di salire la scalinata in ginocchio. Qualcuno spiega che sublimare la sofferenza con la concentrazione della liturgia religiosa rende tutto più semplice.

Ed è così che lunedì 3, si aprono le porte del Santuario per celebrare la messa alle 18, alle 22 e alle 24. I portoni rimarranno aperti dalle 7 fino alle 23 di martedì.

Martedì 4 settembre, le funzioni si svolgeranno invece a partire dalle 7,30 e poi alle 8,30, alle 10,30 alle 16,30 e infine alle 18. La messa delle 10,30 verrà presieduta da monsignor Corrado Lorefice, arcivescovo di Palermo.

Per i festeggiamenti in onore della Santuzza sono previsti diversi appuntamenti fino alla fine del mese: il 15 settembre il santuario potrebbe rimanere chiuso per la visita di Papa Francesco a Palermo ma è ancora tutto da confermare.

La vera storia di Rosalia, dallo scalpore che all’epoca suscita per il rapporto con la famiglia, se vogliamo archetipo della “femminista” ante litteram che anticipa di secoli le idee di donne come Mary Wollstonecraft, se l’accostamento non è troppo blasfemo, sarà raccontata attraverso l’iniziativa della Fondazione Federico II.

Una ricchissima esposizione di capolavori di Van Dyck, Novelli, La Barbera, Preti, e di documenti d’epoca, infatti, celebreranno il culto della Patrona di Palermo sulla quale emergono aspetti finora sconosciuti.

La mostra dal titolo “Rosalia eris in peste patrona”  sarà inaugurata il 4 settembre. L’idea della Fondazione è stata portata avanti in sinergia con l’Assemblea regionale siciliana, il dipartimento regionale dei Beni culturali, la Soprintendenza per i Beni culturali e l’Arcidiocesi di Palermo.

LEGGI ANCHE

“Trinakria -Angoli segreti”: Don Ceravolo svela segni e simboli della vita di Santa Rosalia | VIDEO SERVIZIO

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti