15 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.31
Messina

La cifra disastrosa della Giunta Accorinti

L’ #AmministrazioneZero di Accorinti

7 Aprile 2017

Parlando di Amministrazione Accorinti è difficile evitare l’inciampo nel sarcasmo. E di questa caduta di stile gli Autori di queste righe, Giovanni Randazzo ed il sottoscritto, si dichiarano colpevoli, e per questo chiedono anticipatamente perdono.

Il tema è lo “zero“. Perché possiamo affermare, senza tema di smentite,  che la politica dell’amministrazione cittadina è improntata alla filosofia dello “zero”: vedi il programma ambientalista “rifiuti zero”, o la discussa Variante urbanistica “zero volumi”. Anche se con una certa forzatura retorica dovremmo dire che la politica “zero” sta in realtà dando “zero” risultati. Cerchiamo di spiegare meglio cosa si intende dire, a proposito di “zero”. Dalla filosofia “zerista” si muove la gestione dei rifiuti, ovvero una politica incentrata essenzialmente su riciclo e riuso, quindi sostanzialmente sulla raccolta differenziata.

Però, nonostante annunci e slogan le percentuali di raccolta differenziata si fermano al 10%, non molto sopra lo “zero”. Ma quand’anche si superasse tale percentuale, l’obiettivo “rifiuti zero”, a Messina, senza un impianto di biostabilizzazione per l’organico o di incenerimento per l’inorganico, e mancando nell’immediata vicinanza un’industria atta alla trasformazione del differenziato, sarebbe un’utopia bella e buona. Risultato: da noi i “rifiuti zero” o debordano dai cassonetti o finiscono in discarica.

 

Anche nella filosofia urbanistica di Accorinti & Co viene introdotto il concetto di “zero” volumi. Che consiste nel garantire lo stesso volume di edificabile, spostandolo da una zona all’altra del territorio cittadino. La questione volume “zero” è però mal interpretata, perché per una città a rischio come Messina, l’importante non è mantenere la volumetria, ma riacquistare suolo. Oggi le moderne tecniche progettuali ci permetterebbero di realizzare costruzioni sicure ed energeticamente autonome, utilizzando superfici sempre minori, spingendole in altezza.

Di fatto, risparmiando superfici si potrebbero realizzare edifici più alti e più sicuri e governando questa disponibilità di spazi liberi, si potrebbero creare spazi di verde, e di socializzazione per i cittadini. Quindi anche qui “zero” risultati  per la città, dai programmi dell’Amministrazione.

 

Ma lo “zero”, non più solo slogan, è diventata la cifra complessiva dell’azione amministrativa della Giunta Accorinti. Per cui abbiamo “zero” igiene cittadina, “zero” bilancio previsionale, “zero” mense scolastiche, “zero” servizi sociali, “zero” trasparenza, “zero” semafori funzionanti, etc. etc. etc. Insomma l’Amministrazione “zero”. Ma anche “zero” progettualità, “zero” capacità di visione, “zero” attenzione alle periferie. Tutti questi “zeri” poi significano “zero” sviluppo e “zero” speranze per il futuro dei nostri giovani.

E coloro ai quali toccherà amministrare la città la prossima volta, dopo questa disastrosa esperienza, non ripartiranno da “zero”, bensì da “sottozero”!

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.