L'Italia trema, e la Sicilia? Ecco i dati del 2016 :ilSicilia.it

Messina la provincia più colpita, fanalini di coda la coppia Agrigento - Enna

Il Centro Italia trema ancora. E la Sicilia? Ecco i dati del 2016

di
20 Gennaio 2017

L’Italia ha ricominciato a tremare. Terra sismica, con il più alto tasso di terremoti in Europa, che vede ciclicamente il presentarsi di tragedie e paure, questa volta in presenza di slavine e valanghe di neve che non hanno fatto altro che peggiorare la situazione. E in Sicilia? Sicuramente la terra sicula è una tra le zone a maggior rischio sismico. Le scosse telluriche registrate in Sicilia durante il 2016 sono state 312. Il dato è riferito alle scosse di magnitudo superiore a 1.9: le scosse sono continue, perenni, ma la maggior parte non percepibili.

La provincia di Messina è la maggiormente colpita, essendo la zona a maggior rischio di tutta l’Isola, con ben 154 scosse. La scossa più potente del 2016 di tutta la Regione si è verificata venerdì 28 ottobre proprio nella provincia peloritana: una scossa di magnitudo 5.7 registrata nel bacino del Marsili, dove si trova il più esteso vulcano d’Europa – sottomarino – localizzato nel Tirreno meridionale tra Sicilia e Calabria. Il Mar Tirreno si è reso protagonista anche nel primo giorno dello scorso anno con una scossa di magnitudo 2.4, nella parte meridionale.

La provincia di Catania è la seconda siciliana colpita, anche se ha subito più di cento scosse in meno della provincia limitrofa; nella provincia di Trapani sono state avvertite 33 scosse, 16 in quella di Siracusa, 14 nel palermitano e altrettante in provincia di Caltanissetta, 11 nel ragusano e 9 scosse sia in provincia di Agrigento che in quella di Enna.

Da 21 al 25 maggio Catania e l’Etna sono stati soggetti a una serie di giornate eruttive con visibili esplosioni e fontane di lava; all’alba del secondo giorno, invece, è cominciata una prorompente attività dal cratere Voragine e il cielo catanese si è coperto e non è mancata la caratteristica pioggia di cenere. Mercoledì 25 maggio l’Etna ha dato vita all’ultima attività registrando un’attività eruttiva dal cratere centrale con i valori compresi tra medio e medio-alto.

Dall’inizio di aprile 2016, gli studiosi hanno registrato “una graduale ripresa dell’attività eruttiva nella parte più alta del vulcano che si è manifestata con un aumento dell’emissione di gas soprattutto dal cratere di Nord-Est e dalla bocca che si è aperta il 25 novembre 2015 sull’alto fianco orientale del nuovo cratere di Sud-Est“.

Giovedì 10 novembre quattro scosse di terremoto di magnitudo 2.8, 3.1, 2.6 e 2.0 sono state registrate alle 18,53, 19,05, 20,44 e alle 22,28, nella zona di Calatafimi in provincia di Trapani.

Intanto una lieve scossa si è verificata lo scorso 17 Gennaio, e qui siamo nel 2017. Nessun danno a persone o cose; il terremoto, secondo le rilevazioni dell’INGV, è stato di magnitudo 3.4, ed ha interessato l’area dei Nebrodi. L’epicentro è stato nel paesino di Longi ed il terremoto ha avuto un’eco che va dai 20 ai 30 chilometri.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.