26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.28

pensionati penalizzati con erogazioni minime

La beffa del reddito di cittadinanza: 50 euro nella carta magnetica per trentamila utenti

20 Aprile 2019

Dalle scorse ore sono in distribuzione anche in Sicilia le tessere magnetiche con il reddito e la pensione di cittadinanza, ma per migliaia di cittadini quello che doveva essere un aiuto risolutivo per fronteggiare la crisi economica si starebbe rivelando una beffa.

In tantissimi, soprattutto pensionati, hanno ricevuto nella carta magnetica appena 50 euro, nonostante i calcoli dei caf con l’ammontare che avrebbero dovuto percepire prevedevano importi decisamente più alti. Infatti, il reddito di cittadinanza e anche la pensione di cittadinanza si cumulano con gli altri redditi percepiti dagli utenti, ma fra gli importi che erano stati calcolati e che i richiedenti avrebbero dovuto percepire e quelli effettivamente erogati ci sarebbero differenze sostanziali in difetto.

Su tutti, il caso di una pensionata ultraottantenne palermitana, titolare di pensione minima, costretta per ritirare la carta magnetica a recarsi alle poste centrali di via Roma a Palermo in Taxi, a causa delle condizioni di salute che non le permettono di deambulare bene e spendendo 15 euro per la corsa, ma ricevendo poi un reddito di appena 50,92 euro: “Una beffa, visto che dai calcoli la somma che mi sarebbe spettata era decisamente più alta”.

E come lei molti altri siciliani, delusi da quello che la pensionata in questione definisce come uno “scherzo di cattivo gusto“.

La signora, però, non è sola, perchè per altri trentamila cittadini si è palesato lo “scherzetto” di un reddito di cittadinanza di 50 euro, mentre secondo la Uil la situazione è ancora peggiore, perchè la maggioranza della platea dei pensionati risulterebbe esclusa dalla pensione di cittadinanza. Per Domenico Proietti, segretario confederale Uil, un “pensionato single in affitto” arriverebbe a percepire un beneficio “non superiore comunque a 76 euro mensili”.

Tenta di gettare acqua sul fuoco il presidente dell’Inps Pasquale Tridico, “Solo il 7% di chi ha ottenuto il reddito di cittadinanza ha avuto tra 40 e 50 euro – afferma – mentre il 71% ha avuto 400 euro ed il 21% tra 750 e 1.380 euro”.

E intanto, è polemica per le risposte assurde e in certi casi offensive date agli utenti proprio dalla pagina Facebook ufficiale dell’Inps:  “Flat tax + aumento Iva significa che chi sta meglio paga meno e chi sta peggio paga di più. Meno servizi, più privilegi per pochi. Dopo la beffa del reddito di cittadinanza sta arrivando quella dell’Iva e della Flax Tax. Noi intanto ce la prendiamo coi migranti”. Per non parlare del cittadino che avrebbe ricevuto questa risposta a dir poco allucinante“Se usa facebook e si fa i selfie con le orecchie da coniglio sa anche richiedere un pin”. La social media manager dell’Inps – una funzionaria assunta dall’istituto – a seguito di queste risposte poco professionali sarebbe poi finita in ospedale per il “troppo stress“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.