La beffa del reddito di cittadinanza: 50 euro nella carta magnetica per trentamila utenti | ilSicilia.it :ilSicilia.it

pensionati penalizzati con erogazioni minime

La beffa del reddito di cittadinanza: 50 euro nella carta magnetica per trentamila utenti

di
20 Aprile 2019

Dalle scorse ore sono in distribuzione anche in Sicilia le tessere magnetiche con il reddito e la pensione di cittadinanza, ma per migliaia di cittadini quello che doveva essere un aiuto risolutivo per fronteggiare la crisi economica si starebbe rivelando una beffa.

In tantissimi, soprattutto pensionati, hanno ricevuto nella carta magnetica appena 50 euro, nonostante i calcoli dei caf con l’ammontare che avrebbero dovuto percepire prevedevano importi decisamente più alti. Infatti, il reddito di cittadinanza e anche la pensione di cittadinanza si cumulano con gli altri redditi percepiti dagli utenti, ma fra gli importi che erano stati calcolati e che i richiedenti avrebbero dovuto percepire e quelli effettivamente erogati ci sarebbero differenze sostanziali in difetto.

Su tutti, il caso di una pensionata ultraottantenne palermitana, titolare di pensione minima, costretta per ritirare la carta magnetica a recarsi alle poste centrali di via Roma a Palermo in Taxi, a causa delle condizioni di salute che non le permettono di deambulare bene e spendendo 15 euro per la corsa, ma ricevendo poi un reddito di appena 50,92 euro: “Una beffa, visto che dai calcoli la somma che mi sarebbe spettata era decisamente più alta”.

E come lei molti altri siciliani, delusi da quello che la pensionata in questione definisce come uno “scherzo di cattivo gusto“.

La signora, però, non è sola, perchè per altri trentamila cittadini si è palesato lo “scherzetto” di un reddito di cittadinanza di 50 euro, mentre secondo la Uil la situazione è ancora peggiore, perchè la maggioranza della platea dei pensionati risulterebbe esclusa dalla pensione di cittadinanza. Per Domenico Proietti, segretario confederale Uil, un “pensionato single in affitto” arriverebbe a percepire un beneficio “non superiore comunque a 76 euro mensili”.

Tenta di gettare acqua sul fuoco il presidente dell’Inps Pasquale Tridico, “Solo il 7% di chi ha ottenuto il reddito di cittadinanza ha avuto tra 40 e 50 euro – afferma – mentre il 71% ha avuto 400 euro ed il 21% tra 750 e 1.380 euro”.

E intanto, è polemica per le risposte assurde e in certi casi offensive date agli utenti proprio dalla pagina Facebook ufficiale dell’Inps:  “Flat tax + aumento Iva significa che chi sta meglio paga meno e chi sta peggio paga di più. Meno servizi, più privilegi per pochi. Dopo la beffa del reddito di cittadinanza sta arrivando quella dell’Iva e della Flax Tax. Noi intanto ce la prendiamo coi migranti”. Per non parlare del cittadino che avrebbe ricevuto questa risposta a dir poco allucinante“Se usa facebook e si fa i selfie con le orecchie da coniglio sa anche richiedere un pin”. La social media manager dell’Inps – una funzionaria assunta dall’istituto – a seguito di queste risposte poco professionali sarebbe poi finita in ospedale per il “troppo stress“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin