17 gennaio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.53
caronte manchette
caronte manchette
Messina

Penalizzati i porti del meridione

La beffa delle ZES, Salmeri: “Politiche Governo a favore del centro-nord”

27 dicembre 2017

Siamo alle solite, il copione si ripete: il nostro è un paese diviso in due parti, Nord e Sud che viaggiano a velocità socioeconomiche diverse e qualsiasi tentativo di colmare, anche in parte, questo gap risulta costantemente vano“. Inizia così il comunicato di Gianfranco Salmeri, vicepresidente del movimento “CapitaleMessina” riguardo l’inserimento nella Finanziaria di un emendamento che introduce le cosiddette ZLS (Zone Logistiche Semplificate).

Il comunicato spiega come il Governo col Decreto Legge 91, il cosiddetto “Decreto Sud”, al fine di favorire la creazione di condizioni favorevoli in termini economici, finanziari e amministrativi, che consentano lo sviluppo, in alcune aree del Paese, delle imprese già operanti, nonché l’insediamento di nuove imprese in dette aree, avesse istituito le Zone Economiche Speciali (ZES). L’obiettivo era quello di fornire alle svantaggiate aree portuali e retroportuali del Mezzogiorno alcuni benefici che potessero aumentarne la capacità nell’attrarre investimenti, rispetto alle più competitive strutture del Centro-Nord.

Qualche giorno fa però, proprio in occasione dell’approvazione della Finanziaria, è stato inserito un emendamento che istituisce le Zone Logistiche Semplificate (ZLS), ovvero delle nuove zone franche a burocrazia zero, ideate per attrarre, invece – sempre secondo l’opinione di Salmeri –  investimenti nei porti del Nord.

In pratica l’acronimo è diverso ma sono come le ZES, senza credito d’imposta, ma con le stesse semplificazioni fiscali e burocratiche. È evidente per tutti che hanno ben poca utilità le ZES, introdotte per aumentare la competitività dei porti meridionali, se gli stessi benefici vengono concessi ai porti del Nord, che hanno infrastrutture migliori, l’alta velocità ferroviaria e sono vicini al cuore dell’Europa. Dal Sud finora sono arrivate poche reazioni: il presidente dell’Autorità portuale di Bari si dimette dal comitato ZES pugliese per protesta; ma è anche, ed è tutto dire, il presidente del Porto di Trieste nonché presidente dell’Assoporti Zeno D’Agostino, a prendere le distanze dall’emendamento”.

“Innanzitutto – conclude il comunicato – va stigmatizzato il Governo nazionale che, prima promette al Sud agevolazioni per una crescita delle zone portuali e poi non impedisce che si creino altrettante condizioni favorevoli per le aree portuali del Settentrione, reiterando ancora una volta le ingiuste politiche di sviluppo tutte sbilanciate verso il Centro-Nord. Quindi non possiamo che chiedere alla classe politica siciliana che agisca in fretta, in accordo con le altre regioni meridionali, con le necessarie iniziative, affinché non si vanifichi uno dei pochi strumenti che introduce politiche di vantaggio a favore dello sviluppo economico del Mezzogiorno”.

Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

Mafia, ladruncoli, o collezionisti seriali?

Quando si sente parlare di opere trafugate, molto spesso si pensa ad un gesto occasionale, magari a cura di balordi o inconsapevoli ladruncoli, che con poca esperienza arraffano alla meglio quello che capita sotto mano.
Andiamo a quel Paese
di Valerio Bordonaro Marco Scaglione

Diario di Singapore – Seconda Parte

Opportunità di business per le aziende siciliane, sia nella grande distribuzione, sia in hotel, ristoranti e catering. A Singapore i prodotti che potrebbero avere mercato sono: i preparati per gelato, i dolci da forno, i formaggi, le birre semi-artigianali, le conserve di verdura e le conserve ittiche.