La bellezza del suono che parte dall'invisibile nel nuovo progetto Giovanni Mattaliano [Intervista] :ilSicilia.it
Palermo

L'artista spiega "Underground – Clarinet’s souls”

La bellezza del suono che parte dall’invisibile nel nuovo progetto Giovanni Mattaliano [Intervista]

30 Agosto 2017

Giovanni Mattaliano con gli artisti Salvatore Spera, Daniele Schimmenti, Maria Paola Marsala ha ideato una nuovo e particolare progetto musicale, caratterizzato da recitazione e arte. L’evento, in collaborazione con l’associazione Amici dei Musei Siciliani, l’associazione Fare per migliorare e l’etichetta Jazzliveimprovisation, si svolgerà venerdì 1 settembre alle 21, nell’Oratorio San Mercurio di Palermo.

Dodici brani, un dialogo tra due fiati, l’uno principio e specchio dell’altro. La performance si presenta come viaggio in dodici dimensioni sonore diverse,  alla ricerca di istinti primordiali, avvolti dalla danza e dalle riflessioni di colori di scena che si diffondono attraverso i ritmi di antiche percussioni. I fiati virtuosi, ammalianti, tentati in avanti, ritroveranno la via dell’arte. L’ingresso all’evento è di  €7 (prenotazioni 338 5674507).

L’artista Giovanni Mattaliano, intanto,  spiega dettagliatamente in un’intervista come e perché è nato il progetto che porta il nome di  “Underground – Clarinet’s souls”.

Una nuova performance d’arte tra gli stucchi del Serpotta ideata da Giovanni Mattaliano, cosa vuol dire il titolo?

– “E’ un’idea che mi balenava da tempo, quella di sondare l’invisibile, cercando di materializzarlo attraverso la scena del suono e del movimento. La musica è uno degli elementi di cui l’uomo dispone, collegata col mistero del cosmo e i clarinetti sono strumenti senza limiti, possono scavare e trovare tante fonti energetiche da donare alla gente, con un’arte che accarezza sempre la bellezza“.

In questi ultimi anni l’abbiamo vista creare decine di spettacoli musicali, da I Suoni dell’isola, Quell’unico fiato, Colori d’anima mediterranea, fiati di corde, Soteira, Spirit, a tanti altri.  Ha poi promosso diverse rassegne d’arte, scritto poesie e di recente ideatore anche del progetto Clarinet Sicily Festival. Che tipo di input consiglia ai giovani per una vitalità come la sua?

– “Sono da sempre affiancato dal benessere interiore, progetto poco del mio futuro, tranne di ciò che vivo, sognando le scene delle verità dell’arte. Ai giovani non consiglio altro che amare il proprio prossimo, di sfidare la vita con le armi della percezione, studiare tanto qualsiasi fonte rigenerante, di incontrare la passione lasciandosi guidare da essa. I miei spettacoli sono frutto d’immaginazione pura, concerti con scene aperte, amo tanto stare vicino alla gente, andando con essa verso viaggi immaginari“.

Come vede oggi la bellezza e verso quali strade sta andando?

“La ricerca della bellezza apre senza dubbio le porte del sogno immortalando le strade dell’uomo, è un tema vastissimo che riguarda la vita dei popoli di tutto il mondo. L’uomo cerca di risollevarsi continuamente attraverso le speciali e un po’ magiche capacità camaleontiche. Personalmente cerco sempre le strade dell’arte che mi riconducono verso quella bellezza tanto particolare che universale nell’espressione più alta del pensiero, amore e vita in ogni collettività fedele alle proprie origini“.

In Underground che ruolo hanno i vari musicisti?

– “Scelgo sempre le persone con cui suonare, lì dove intuisco vi sia del talento speciale, non necessariamente solo musicale. In Underground ho scelto i miei strumenti, suonati da me al clarinetto basso e da un giovane clarinettista siciliano di gran talento, Salvatore Spera, un ragazzo sensibilissimo e molto preparato su tutti i versanti sonori. La scena si apre con tanti dialoghi tra i clarinetti, dedicati all’incontro festoso tra i popoli, l’utilizzo delle percussioni come voce ritmica accompagnerà tanti momenti, ho scritto diverse musiche per l’occasione frammiste ad altri brani del mio repertorio compositivo, spesso ispirato all’anima mediterranea. In scena con me la fedelissima e meravigliosa pittrice dalle vesti gotiche Maria Paola Marsala che arricchirà il sogno dei presenti“.

 

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.