La canzone sullo zio boss, il neomelodico Pandetta si 'pente': "Non la rifarei" :ilSicilia.it
Catania

il fatto

La canzone sullo zio boss, il neomelodico Pandetta si ‘pente’: “Non la rifarei”

di
11 Ottobre 2021

Il suo ammiccare alla mafia? “Ho sbagliato”, ammette. Più che altro un’. Con uno scopo preciso: “Costruire un personaggio che potesse colpire il pubblico, per farmi pubblicità”. Del resto, dice, “oggi non rifarei più la canzone che all’epoca ho scritto per mio zio, perche’ mi rendo conto di quanto sia stato pesante il testo che ho a lui dedicato”.

Così il cantante neo melodico Niko Pandetta, nipote dello storico capomafia catanese Salvatore Cappello, che si dice ‘pentito’ dei testi di alcune sue canzoni. Lo fa, riporta il quotidiano “La Sicilia”, in un’interrogatorio davanti alla Procura di Catania del 19 gennaio scorso nell’ambito di un’inchiesta in cui è indagato per concorso esterno all’associazione mafiosa, per cui i magistrati hanno chiesto al Gip una proroga delle indagini.

All’epoca ero un’altra persona – afferma Pandetta ai magistrati – ero giovane e volevo fare successo, ma non avrei mai creduto che avrei avuto tutta questa influenza sul pubblico specialmente giovanile”. Il fascicolo era stato aperto sulla trasmissione del 5 giugno del 2019 di ‘Realiti’ su Raidue. In studio un altro cantante neomelodico, Leonardo Zappalà, parlando di Falcone e Borsellino, aveva detto: “Queste persone che hanno fatto queste scelte di vita le sanno le conseguenze. Come ci piace il dolce ci deve piacere anche l’amaro”.

Pandetta, in una clip, raccontava, tra l’altro, di aver finanziato il suo primo cd con una rapina, e nelle sue canzoni inneggia anche allo ‘zio Turi’, come punto di riferimento della sua vita. Per Pandetta quelle di Zappalà sono state “dichiarazioni sgradevoli”, che “io non ho condiviso e che comunque non mi appartengono”, a lui “attribuite senza che io ne avessi colpa”.

A Pandetta vengono contestati altri episodi. Come le minacce al consigliere regionale campano Francesco Emilio Borrelli, mostrando una pistola durante una diretta Facebook. , si difende coi Pm. La pistola, spiega, “però non era vera e funzionante, in quanto si trattava di una bomboniera!”. Recentemente un suo concerto a Ostia è stato bloccato, ed è stato sorpreso dai carabinieri a cantare in un bar del Catanese violando le norme anti Covid

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin