12 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.32

Ancora una volta ilSicilia.it premiato per scelte dalla parte della verità

La Cassazione dice no a sequestro 50 milioni del Palermo

15 Marzo 2019

PALERMO, 15 MARZO – La Cassazione ha dichiarato inammissibile l’appello della procura di Palermo contro il mancato sequestro di 50 milioni di euro dai conti della squadra di calcio del Palermo.

La richiesta era stata inoltrata dai pm nell’ambito delle indagini sulla gestione da parte di Maurizio Zamparini del club rosanero negli ultimi anni.

Il giudice per le indagini preliminari Fabrizio Anfuso aveva già ritenuto infondati i presupposti per il sequestro chiesto dai pm.

Ieri lo stesso procuratore generale aveva chiesto il rigetto dell’appello inoltrato dalla procura di Palermo.

La decisione della Suprema corte chiude la partita sulla somma che se fosse stata sequestrata avrebbe dato il colpo di grazia alla società nel suo momento di massima difficoltà alla ricerca di un compratore o di un piano di salvataggio.

Un sospiro di sollievo per il collegio difensivo del Palermo e di Maurizio Zamparini al quale nei giorni scorsi sono stati confermati gli arresti domiciliari, perché ritenuto in grado di reiterare il reato anche se non si capisce giuridicamente come sia possibile sopratutto anche alla luce di questo appello respinto e del fatto che ha ceduto la società.

Non è la prima volta che le richieste dei pm palermitani vengono respinte. In prima battuta, infatti, il gip Fabrizio Anfuso aveva limitato a 1,2 milioni la consistenza del sequestro nelle casse rosanero.

In seguito, era poi arrivato il pronunciamento del Tribunale del Riesame che aveva ordinato la restituzione delle somme.

La richiesta di sequestro preventivo partiva dalle contestazioni di riciclaggio, autoriciclaggio e sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte da parte di Zamparini.

Adesso arriva la parola fine ad illazioni, ricostruzioni cervellotiche e mille altre fantasie fino al fallimento della società che si sono scatenate nei social ma che non avevano trovato ovviamente spazio qua da noi che vediamo pagata la scelta garantista che per nostra forma mentis abbiamo fatto.

 

 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Una Mattina Diversa

Carissimi, erano quasi le ore 20.00 quando al mio congestionato telefonino mi giunse una telefonata da un numero al quale non potevo non rispondere. La voce era quella del segretario particolare del segretario del grande capo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.