Cattedrale di Palermo deturpata, Monsignor Sarullo: "Hanno pensato più all'efficienza che al decoro" :ilSicilia.it

Le parole del prelato

La Cattedrale di Palermo deturpata, Monsignor Sarullo: “Hanno pensato più all’efficienza che al decoro”

di
16 Settembre 2020

La Cattedrale di Palermo argomento di discussione sui principali Social, con una foto che ritrae un cablaggio a “cielo aperto”, che dal soffitto si incunea in un angolo interno della sontuosa architettura.

Il suono delle campane, sono da sempre simbolo di gioia che porta la mente a ripercorrere i momenti di festa e di aggregazione di una comunità. Ogni campana ha una propria nota, nell’insieme il complesso campanario, costituisce anche uno strumento musicale. Formato dal battaglio o batacchio; dal ceppo; la ferramenta che unisce la campana al ceppo con al centro un isolatore. Ed infine la ruota, che nella gestione manuale trovava posto la corda per il suono della campana.

Spesso oggi le campane sono sostituite da apparecchi elettronici che tentano di riprodurne il suono ma in modo macchinoso e inefficace. Fortunatamente le otto campane in bronzo della Cattedrale di Palermo, dai timbri sonori importanti, vibrano ancora vigorose grazie all’aiuto della tecnologia e di alcuni servocomandi elettrificati. Un sistema che ha sostituito la vecchia corda con una catena, che a sua volta è collegata ad un motore che determina il movimento della campana.

Infine sono presenti una serie di cavi di varie misure e dimensioni per il collegamento dei motori, dei freni, dei martelli, dei dispositivi di sicurezza con il quadro potenza, che nella Cattedrale di Palermo ancora una parte si possono ammirare tra le statue, modanature e affreschi.

I cablaggi in questione, che controllano il sincronismo delle campane – dichiara Monsignor Filippo Sarullo parroco della Cattedrale  – sono stati istallati oltre mezzo secolo fa. Sicuramente avranno pensato più all’efficienza che al decoro del monumento. Fortunatamente questa ferita scomparirà, grazie ai lavori conservativi che partiranno a breve. Spero tanto che la grande condivisione mediatica delle pagine social di questa fotografia, sia seguita da altrettanta partecipazione alle tante attività della nostra parrocchia”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Credete che stiano dormendo?”

Non voglio ritornare a quel mondo malato, Io mi auguro di venirne fuori, quantomeno fisicamente, ma dovremmo fare un patto, un vero patto collettivo affinché si prenda insegnamento di tutto quanto ciò e si possa per una volta dire: “mai più!”. La riflessione di Epruno.
Balzebù
di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin