Cattedrale di Palermo deturpata, Monsignor Sarullo: "Hanno pensato più all'efficienza che al decoro" :ilSicilia.it

Le parole del prelato

La Cattedrale di Palermo deturpata, Monsignor Sarullo: “Hanno pensato più all’efficienza che al decoro”

di
16 Settembre 2020

La Cattedrale di Palermo argomento di discussione sui principali Social, con una foto che ritrae un cablaggio a “cielo aperto”, che dal soffitto si incunea in un angolo interno della sontuosa architettura.

Il suono delle campane, sono da sempre simbolo di gioia che porta la mente a ripercorrere i momenti di festa e di aggregazione di una comunità. Ogni campana ha una propria nota, nell’insieme il complesso campanario, costituisce anche uno strumento musicale. Formato dal battaglio o batacchio; dal ceppo; la ferramenta che unisce la campana al ceppo con al centro un isolatore. Ed infine la ruota, che nella gestione manuale trovava posto la corda per il suono della campana.

Spesso oggi le campane sono sostituite da apparecchi elettronici che tentano di riprodurne il suono ma in modo macchinoso e inefficace. Fortunatamente le otto campane in bronzo della Cattedrale di Palermo, dai timbri sonori importanti, vibrano ancora vigorose grazie all’aiuto della tecnologia e di alcuni servocomandi elettrificati. Un sistema che ha sostituito la vecchia corda con una catena, che a sua volta è collegata ad un motore che determina il movimento della campana.

Infine sono presenti una serie di cavi di varie misure e dimensioni per il collegamento dei motori, dei freni, dei martelli, dei dispositivi di sicurezza con il quadro potenza, che nella Cattedrale di Palermo ancora una parte si possono ammirare tra le statue, modanature e affreschi.

I cablaggi in questione, che controllano il sincronismo delle campane – dichiara Monsignor Filippo Sarullo parroco della Cattedrale  – sono stati istallati oltre mezzo secolo fa. Sicuramente avranno pensato più all’efficienza che al decoro del monumento. Fortunatamente questa ferita scomparirà, grazie ai lavori conservativi che partiranno a breve. Spero tanto che la grande condivisione mediatica delle pagine social di questa fotografia, sia seguita da altrettanta partecipazione alle tante attività della nostra parrocchia”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin