25 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.23
Palermo

Ferma la posizione dei Vescovi

La Cei: niente funerali pubblici in chiesa per Totò Riina

17 Novembre 2017

Nessun funerale pubblico in chiesa per Totò Riina. Lo ha detto oggi la Cei (la Conferenza Episcopale Italiana), che tramite il suo portavoce don Ivan Maffeis ha dichiarato all’agenzia ANSA che “E’ impensabile per un criminale che si è macchiato di delitti per i quali, come ha detto Papa Francesco, c’è la scomunica”.

“La Chiesa non si sostituisce al giudizio di Dio – ha proseguito don Maffeis  – ma non possiamo confondere le coscienze“. Monsignor Michele Pennisi, arcivescovo di Monreale, la diocesi nella quale si trova Corleone, ha detto: “Trattandosi di un pubblico peccatore non si potranno fare funerali pubblici. Ove i familiari lo chiedessero si valuterà di fare una preghiera privata al cimitero”. Non risulta che sino a questo momento la famiglia di Totò Riina la abbia chiesta.

“E’ un segno – ha detto Maffeis – che calpesterebbe la memoria delle vittime, di tutte le persone uccise, penso a Falcone, Borsellino, Livatino, ma anche i tanti preti uccisi, come don Puglisi, i magistrati, le forze dell’ordine. Un funerale pubblico – ha concluso don Maffeis – sarebbe un segno che va nella direzione opposta del compito della Chiesa, che è quello di educare la coscienza e contrastare la mentalità criminale“.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.