La Cgil lancia l'allarme sul Teatro Massimo e interviene sulla Foss: "Non spettano a noi le scelte dei nomi" :ilSicilia.it
Palermo

l'intervento del sindacato

La Cgil lancia l’allarme sul Teatro Massimo e interviene sulla Foss: “Non spettano a noi le scelte dei nomi”

di
7 Giugno 2019

“Ognuno è libero di portare gli spettacoli dove vuole, in qualsiasi spazio teatrale a noleggio. Ma la fondazione Teatro Massimo, la più importante da Napoli in giù, svolge un ruolo particolare  e ha il dovere  di produrre una stagione estiva strutturata, che duri non meno di due-tre mesi, e che possa offrire un prodotto di eccellenza alla città e ai turisti  in forte aumento a Palermo”.  

A dichiararlo è il segretario generale della Slc Cgil Palermo Maurizio Rosso, che ribadisce la sua posizione a proposito della programmazione teatrale estiva della città“Ci stupisce l’inappropriatezza di alcune argomentazioni politiche rispetto a quello che un teatro d’opera debba offrire in termini di cultura, sviluppo, occupazione e bellezza – aggiunge Rossoil teatro di Verdura è stato per anni la punta di diamante per la fondazione Teatro Massimo di Palermo. La Slc è ben lieta che altri possano portare proposte culturali, partecipando a un bando pubblico. Ma secondo noi il Teatro Massimo deve tornare da protagonista in questo spazio a essere un centro di produzione.  Il laboratorio scenografico di Brancaccio, la  sartoria teatrale, il trucco e parrucco, il corpo  di ballo sono stati svuotati quasi totalmente della loro efficacia”. 

Poi l’Slc lancia un grido d’allarme: “Dopo  l’occupazione di alcuni anni fa, il patto assoluto sancito sul lavoro per trasformare il Teatro Massimo in  centro di produzione si è arenato – aggiunge Rosso –  chiediamo con forza che venga ripristinato quanto era stato previsto,  che vengano aperte accademie di danze,  di scenografia e di sartoria  teatrale e che al più presto si torni con una stagione al Teatro Verdura che preveda la produzione del Teatro Massimo di opere, operette, balletti e concerti. Andare al Verdura per montare le luci e le scene solo per un’opera, un  balletto e un concerto ha poco senso:  i costi  non sono commisurati al dispendio di forze. Continueremo a fare le nostre rimostranze in tutte le sedi opportune”. 

“Ben vengano le attività di contorno in altri luoghi prestigiosi della città come la Gam o nelle periferie per la loro funzione sociale. Ma una istituzione come il Teatro Massimo, per il suo core business, deve strutturare una stagione seria – insiste  Rosso  ci risulta inoltre che il Teatro Massimo presti scene e costumi.  Vorremmo chiarezza su questo punto e conoscere gli introiti. Sarebbe uno sperpero non trasformare in risorse economiche le scene e i costumi pregiati del Massimo, un materiale prezioso che  con tanta competenza le maestranze ogni anno costruiscono”.  

Rosso poi interviene anche sulle questioni relative alla nomina di Ester Bonafede a sovrintendente della Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana, spiegando come la posizione dei sindacati sia quella di non esprimere posizione sulle scelte dei nomi, ma di chiedere qualità e competenza: “A noi interessano programmi di sviluppo, culturali ed economici in equilibrio e rivolti all’eccellenza. Pensiamo che la Foss debba riorganizzare il lavoro introducendo tecniche moderne, accendendo  rapporti con le altre istituzioni, che debba avere certezze di risorse e garantire alta qualità e occupazione. Saremo presenti a vigilare al di là di chi governerà il teatro nei prossimi anni”.

“Non spettano a noi le scelte dei nomi, come Slc Cgil Palermo abbiamo  ribadito sempre la nostra idea che il sindacato resti fuori  dai Cda perché dobbiamo poter esercitare un forte ruolo di vigilanza per garantire legalità e controllo dei conti. Saremo quindi molto attenti ai piani di sviluppo – conclude Rosso ai quali certamente vogliamo contribuire con le nostre idee, perché questa istituzione pubblica possa stare dalla parte della giustizia e della legalità”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin