La Cisl avverte il governo: "Occorre fare in fretta o per la Sicilia sarà default" :ilSicilia.it

Il grido d'allarme del sindacato

La Cisl avverte il governo: “Occorre fare in fretta o per la Sicilia sarà default”

di
29 Settembre 2018

La preoccupazione espressa dalla Cisl siciliana per l’impatto che le scelte del governo Conte, potranno avere sul governo regionale, dalla flat tax alla pace fiscale all’Autonomia e al “nodo delle risorse che ne garantiscano l’agibilità”, pone dei problemi concreti e apre una vertenza non solo tra governi, ma principalmente politica.

Mimmo Milazzo uomo forte del sindacato siciliano e leader del sindacato, navigato allo “stress” della disarticolazione dei problemi del tessuto siciliano, rispetto alle soluzioni che la politica produce, ha infatti aggiunto: “Musumeci vigili, l’Ars apra gli occhi. Sennò dalla stalla scappano i buoi. E per la Sicilia si apre il default”.

L’interlocuzione romana portata avanti dal vicepresidente della Regione Gaetano Armao deve essere perfezionata, secondo il sindacato, prima che venga chiusa la legge di bilancio nazionale: “è fondamentale che nel Def e nella successiva legge di bilancio del governo Conte, le risorse sul capitolo Sicilia, ci siano”.

Non pare in effetti un allarmismo esagerato e fuori luogo quello manifestato dalla Cisl, ma c’è di più.

La proiezione della campagna elettorale per le europee di maggio obbliga in qualche maniera l’esecutivo nazionale a mettere paletti di carattere generale che non diano la sensazione (specie per parte leghista) di uno sbilanciamento socio-assistenziale verso il Mezzogiorno. Prima si faranno dunque i ritocchi e le risorse da incamerare da Roma, meglio sarà. Altresì il calcolo diventa anche più spietato. Conviene alla Sicilia mantenere singole e spezzettate forme di interlocuzione con il governo centrale o potrebbe essere di maggiore incisività un accordo più simile a quelli della politica che non alle trattative, doverose, ma neutre, tra governi?

I 5stelle tengono alta la bandiera degli interventi nazionali, ma per forza di cose e perché sono all’opposizione in Sicilia, non si sbracciano più di tanto. La Lega di Sicilia prosegue nel reclutamento nei territori, ma non ha uomini di governo nella giunta regionale.

Sembra, questa, quindi la premessa migliore affinché la colpa di quello che non arriverà possa essere attribuita con chiarezza a qualcuno.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Balzebù
di Balzebù

Il Lupo perde il pelo ma non il vizio

Dov’è finito quel Giuseppe Lupo che da segretario provinciale della Cisl di Palermo, con pacatezza, riusciva a districarsi tra le vertenze più scabrose al tempo in cui rivestiva questo prestigioso incarico?
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Moderati per sopravvivere

Si torna a parlare di un partito dei “moderati” che - come ci informa Belzebù nell’articolo di questi giorni - dovrebbe mettere insieme i cespugli della politica italiana: Italia Viva di Matteo Renzi, Azione di Carlo Calenda, Più Europa di Emma Bonino e Forza  Italia o almeno una sua parte. Un’adesione che finora, però, è più una speranza che una certezza
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.