15 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.39

La città dei gabbiani

15 Giugno 2019

botindari epruno

Carissimi, e storia di giorno, continuano a ripetermi:

“Guarda quel castello?”

Ed io: “Non lo vedo”.

Loro: “È Tuo”.

Allora io: “Ah grazie, ma io continuo a non vederlo.”

Quindi insistono: “Da oggi quel castello è tuo con tutto ciò che ci sta intorno e dentro. Ma devi credermi.”

Io ringrazio, ma continuo a non vedere un ‘accidente, sarà il caldo, ma io non vedo nulla.

E andiamo così avanti da anni, ma ve lo giuro, mi sarò lavata la faccia un mare di volte, avrò cambiato non so quanti occhiali, mi sono pure rifatto la visita oculistica ma io non vedo nulla.

E voi mi direte: “Sei preoccupato?”

Si sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Ora dico, potrà essere tutto frutto di una allucinazione collettiva o c’è chi ci sta prendendo per i fondelli e recita?

Non vi viene il dubbio che come il gioco delle “tre carte” siamo attorniati da “compari” di chi muove le “tre tazze”?

Tanta sveltezza di mani. Tanta rapidità di pensiero, ma può essere che si sbagli sempre nel puntare? Non può darsi che tra il “rosso e il nero qualche volta esca pure lo zero”?

E molto raro, ma sarebbero “cazzi”.

Il pallone è avvelenato, la terra dei fuochi è avvelenata, la magistratura è avvelenata.

Questa è l’epoca del grande inganno. Ma anche se si volesse. Come si potrebbe accontentare tutti se non attraverso una illusione, una visione di una realtà che non esiste se non nella testa del pensatore?

Truccare il tutto, tirare una linea e poi richiuderla su sé stessa per creare un cerchio.

Oggi sembra tutto più difficile e ciò grazie anche alla circostanza che i popoli occidentali abbiano fatto di tutto per non creare disastrosi conflitti mondiali come quelli della prima parte del secolo scorso o alla sconfitta di quelle grandi pandemie che decimavano le popolazioni e ri-immischiavano le carte periodicamente.

Siamo in molti, siamo stretti perché interpretiamo male il concetto di densità e basta soltanto la mattina avere l’ardire di dare il buongiorno al nostro vicino per sentirsi mandato a fanculo.

Siamo nervosi insofferenti, ma siamo ubriachi perché diminuiscono le prospettive di lavoro, chiudono i negozi e sorgono le taverne e così le grandi vie chiuse sono luoghi dove andare ad annegare e dimenticare le nostre sconfitte, il padre accanto al figlio e malgrado ci sforziamo di sembrare diversi non avremo neanche compreso il modo disciplinato nordico di bere nel fine settimana per poter tornare efficiente il lunedì mattina a produrre.

Non possiamo costruire moderni colossei anche se i nuovi stadi gli somiglino, ma gli spettacoli seppur cruenti sono ancora distanti dal modello imperiale.

E intanto beviamo, ubriachiamoci e la mattina in dormiveglia sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.

Non so se dare ragione al mio collega Murphy ma io per il momento, fin quando c’è vino sorrido e mi ubriaco cercando allegria, cercando “a cuntintizza” e non dispiacere nessuno.

Sarà l’effetto del vino ma vi volevo rassicurare, adesso il castello lo vedo anche io.

Un abbraccio, Epruno

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.