La città si svuota, tutti in fuga da Palermo. Nascite più basse degli ultimi 50 anni :ilSicilia.it
Palermo

Secondo il report del Comune, cala ancora il numero dei residenti

La città si svuota, tutti in fuga da Palermo. Nascite più basse degli ultimi 50 anni

di
16 Gennaio 2017

La popolazione residente a Palermo al 31 dicembre del 2016 è pari a 669.329 abitanti. Rispetto al 2015 si è registrata una diminuzione di 5.106 unita’ (-0,8%), determinata da un saldo naturale negativo per 666 unità e da un saldo migratorio e per altri motivi negativo per 4.440 unità.

statisticheSono i dati diffusi dall’ufficio Statistica del Comune di Palermo. “Rispetto al 15° Censimento generale della popolazione del 9 ottobre 2011, quando sono stati censiti 657.561 abitanti, la popolazione al 31 dicembre 2016 è più alta di 11.768 unità, pari all’1,8%. L’incremento è però interamente attribuibile alla revisione post-censuaria dell’anagrafe, che ha determinato nel 2013 un saldo positivo di 25.066 unità e nel 2014 un saldo positivo di 2.434 unità. I residenti di sesso maschile sono 319.710, in diminuzione di 2.476 unità rispetto al 2015, mentre i residenti di sesso femminile sono 349.619, in diminuzione di 2.630 unità rispetto al 2015. I residenti maschi costituiscono il 47,8% del totale, contro il 52,2% di sesso femminile”.

Scomponendo la variazione registrata dalla popolazione residente nelle singole componenti, si evidenzia un saldo naturale (nati – morti) e un saldo migratorio e per altri motivi (iscritti – cancellati) entrambi negativi. Più in particolare, il saldo naturale, per la quinta volta consecutiva negativo, è risultato pari a -666 unità (lo scorso anno era pari a -358 unità), mentre il saldo migratorio e per altri motivi è risultato pari a -4.440 unità (lo scorso anno era pari a -3.699 unità). Con riferimento al movimento naturale della popolazione, nel corso del 2016 si sono registrati 5.725 nati, in diminuzione del 7,9% rispetto ai nati del 2015. Il numero dei nati nel 2016 è sceso per la prima volta sotto quota 6 mila ed è ai minimi degli ultimi 50 anni.

“I nati di sesso maschile sono stati 2.899, in diminuzione dell’8,7% rispetto al 2015, mentre quelli di sesso femminile 2.826, in diminuzione del 7%. Il numero dei decessi nel 2016 e’ stato pari a 6.391 unità, in diminuzione del 2,7% rispetto ai morti del 2015. In termini di composizione percentuale, l’87,1% degli immigrati proviene da altri comuni del territorio nazionale, mentre il 12,9% dall’estero. Rispetto al 2015 è aumentata la quota di immigrati da altri comuni italiani, mentre e’ diminuita la quota di immigrati dall’estero: le due percentuali erano rispettivamente 83% e 17%. Gli immigrati di sesso maschile sono stati 4.706, in diminuzione dello 0,6% rispetto al 2015, mentre quelli di sesso femminile 4.636, in diminuzione dello 0,6% rispetto al 2015. Sul fronte delle cancellazioni, si sono registrati 13.456 emigrati, in aumento del 5,7% rispetto al 2015. Più in particolare, gli emigrati verso altri comuni italiani sono aumentati dello 0,8%, attestandosi a 10.506 unità Gli emigrati verso l’estero, che già negli anni più recenti avevano fatto registrare sensibili incrementi sia in valore assoluto che in termini percentuali, rispetto al 2015 sono ulteriormente cresciuti, passando da 2.306 a 2.950 (+27,9%). In termini di composizione percentuale, il 78,1% degli emigrati si e’ diretto verso altri comuni del territorio nazionale, mentre il 21,9% si è diretto verso l’estero. Nel 2015 la percentuale di emigrati verso l’estero era pari al 18,1%. Il saldo negativo di 4.114 unita’ fra immigrati ed emigrati registrato nel 2016 e’ determinato da una differenza negativa con i comuni del territorio nazionale di 2.369 unita’, e da una differenza negativa con l’estero di 1.745 unità”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.