La Collesano-Isnello chiusa per caduta massi. E le Madonie continuano a sprofondare :ilSicilia.it
Palermo

non sono noti i tempi di intervento

La Collesano-Isnello chiusa per caduta massi. E le Madonie continuano a sprofondare

di
3 Gennaio 2019

Il nuovo anno si è aperto con i massi staccatisi dal costone roccioso lungo la via che collega Collesano a Isnello. Si tratta della strada provinciale 9, “Delle Madonie”, che si snoda per oltre 34 km e che unisce Campofelice di Roccella a Castelbuono, passando per Collesano e Isnello, appunto. Strada che, dal bivio di Mongerrati in avanti, permette di collegare il traffico veicolare anche con Piano Battaglia e i suoi impianti e con i comuni delle alte Madonie.

caduta-massi_3Il punto oggetto di sopralluogo da parte della Direzione Infrastrutture e Viabilità della Città Metropolitana di Palermo è stato quello al km 15+500 circa, poco sopra l’abitato collesanese. Esito di questa prima verifica è stata l’ordinanza di chiusura dal km 14+800 al km 15+800 (dal bivio Drinzi al bivio Mongerrati).

“Probabilmente a seguito delle recenti abbondanti precipitazioni – scrivono i tecnici dell’ex Provincia – e per lo stato di fratturazione del versante roccioso, si è verificata la caduta di massi di notevoli dimensioni che hanno raggiunto la sede stradale, occupandola parzialmente, ancorché trattenuti dalla rete metallica esistente”.

Una rete, evidentemente, ormai logora in un’arteria che “attraversa un versante roccioso – continuano i tecnici – che presenta in alcuni tratti delle fratture diffuse» e che è stata interessata «nel passato da fenomeni di caduta massi”.

La situazione è critica sia per la presenza di altri massi fratturati e in equilibrio precario, pronti a cadere a loro volta sulla strada, sia per le negative conseguenze che si possono già fin da adesso elencare: sanità, scuola, economia, turismo. Senza dimenticare le emergenze e le difficoltà di transito per i mezzi di soccorso.

Dalla Città Metropolitana fanno sapere di non avere a disposizione i fondi necessari e che non è possibile, per parte loro, quantificare i tempi di caduta-massi_3intervento; quest’ultimo consisterebbe nella bonifica del tratto stradale occupato dai massi, dalla messa in sicurezza della parete e dal ripristino dell’area.

Contraccolpi ulteriori alla viabilità delle basse Madonie, oggetto di crisi occupazionale e di spopolamento dilagante. La condizione della sp 9 che collega Campofelice a Collesano è disastrosa: al momento chiusa, ha reso necessario il dirottamento del traffico sulla parallela sp 129, l’unica via rimasta – su quel versante – per raggiungere le arterie autostradali e gli ospedali di Cefalù e di Termini Imerese.

Il collegamento pubblico, oggi assicurato solamente da alcune corse dell’Ast, sarà modulato con una navetta che collegherà i passeggeri di Collesano con Campofelice, dove sarà possibile raggiungere l’autobus di linea da e per Palermo.

caduta-massi_3I sindaci di Collesano e di Isnello hanno fatto sapere di essere in costante contatto con tutti gli enti preposti e, in particolare, con la Protezione civile regionale, che oggi ha effettuato il suo sopralluogo, per tentare di individuare soluzioni immediate e le risorse a ciò necessarie. Si parla anche di somma urgenza e non si esclude che, in assenza di alternative, possa pure essere dichiarato lo stato di calamità naturale.

caduta-massi_3Sarà necessaria una squadra di rocciatori per verificare con certezza lo stato della parete che incombe sulla strada e i due comuni interessati più direttamente sarebbero pronti a mettere a disposizione risorse proprie.

Un misto di rabbia e di sconforto è quanto si respira tra cittadini e amministratori, cui si uniscono la preoccupazione che quella del tratto in questione possa diventare l’ennesima emergenza infrastrutturale dimenticata dagli enti superiori e la necessità di mantenere alto il livello di guardia e di attenzione a che questo non accada.

Al momento, l’alternativa al tratto chiuso, per raggiungere Isnello o Piano Battaglia da Collesano, è rappresentato dalle vie che attraversano Cefalù o Lascari in direzione di Gibilmanna, Gratteri o Castelbuono. E da lì per le due località interdette dalla caduta massi.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.