La Colonna di destra :ilSicilia.it

La gente è strana, studiarla osservandola nei suoi comportamenti e uno dei miei passatempi preferiti

La Colonna di destra

di
12 Novembre 2021

Carissimi

Lo so, avete ragione, con quale coraggio continuo a parlare di ricerca del meglio della vita, di qualità di vita, quando abbiamo problemi ben più gravi di questo voler filosofeggiare sul creato, come quello di dover necessariamente cercare consensi, facendo diventare finanche un virus oggetto di divisione politica, lo conosciamo da poco, ma vogliamo capire soprattutto se è di destra o di sinistra, come tutte le cose in questo paese, se è bene prenderselo e al limite morire (che ci sarebbe di male, pure Mozart, pure Van Gogh, pure i più grandi esteti sono morti) o vaccinarsi e tentare di farla franca?

C’è picca i fari, siamo sempre quelli del siciliano Guglielmo Shakespeare, “essere o non essere …. morire, dormire …. a proposito di dormiri … nun mi diti nienti …. anche quello è diventato un lusso e più andate avanti, peggio è, dormire tutta una tirata …. un sogno ed a proposito di sogno, è così che ogni alzata ed ogni spezzone di sonno notturno diventa anche esso come una puntata di una serie televisiva su Netflix.

Quindi non solo veniamo bombardati di giorno della stessa materia attraverso tutti i media, ma a notte nansunnamu arrieri e così ci alziamo all’orario anticipando la sveglia, anzi ci facciamo trovare assittato nel letto accanto al comodino nell’attesa che questa suoni per comprendere se il fatto stesso di essere seduto è un sogno del fatto che siamo seduti o perché ci siamo già svegliati.

La gente è strana e studiarla osservandola nei suoi comportamenti e uno dei miei passatempi preferiti.

E quindi mentre sulla colonna di sinistra leggete notizie importanti di contagi che aumentano, di politici che s’afferanu e si curnutianu ieri amici e oggi nemici, di diluvi inimmaginabili che rendono le nostre città della trinacria navigabili come tante Venezie del sud, di dirigenti infedeli e di manette che scattano ppi tutti, di fondi pubblici a tempesta che ci sono e non ci sono, di sindaci eletti con plebisciti ed oggi assiucutati con schifiu e disprezzo, di muorti puvirieddri ca vonnu muoriri e poi ci ripensano perché non hanno neanche la terra per un eterno riposo ed io qui costantemente sulla colonna destra dei blog che vi sto a parlare ancora del bello della vita, volando basso, anche quando gli argomenti a prima lettura ci sembrano fuori contesto, rimanendo lì sotto il pergolato ad osservare le reazioni.

Chi mi conosce poco mi chiederebbe come la gentile signora tempo fa:” non capisco cosa c’entri ciò con la “filosofia” del gruppo”, così come farebbe uno dei tanti che battono le mani ad un concerto per strumento e orchestra di classica, tra un movimento e un altro, chi crede di dover emettere un giudizio senza averne visto la fine.

E si miei cari, ciò che c’è sulla colonna di sinistra l’ho già conosciuto, ecco perchè mi diverto a scrivere sull’altra, l’ho studiato sui libri della storia, l’ho già visto durante i lustri della mia esistenza, ne scrivo da più di venti anni e vi dico che sono sempre le stesse cose, sono sempre le stesse storie di uomini spergiuri che ppi picciuli, si vendono le madri, uccidono e rubano certi che il denaro cambi la vita…..e si l’ho visto cambiare la vita in giovani intelligenze che da un momento all’altro se ne sono andati in un incrocio tra rottami di lamiere o in pochi giorni dopo aver scoperto la loro immortalità in una cellula che impazziva e che se ne fotteva di tutte le ricchezze di queste mondo, anche quando avresti voluto rubare per rubare istanti di questa vita alla signora in nero.

Allora che c’azzecca questo appuntamento settimanale con eprunica irriverenza con la “filosofia” (parola grossa) di qualunque strumento social? Niente, non tutto deve avere una logica, la persona più intelligente, il più delle volte guarda e sorride, oppure osserva in silenzio, oppure ancora peggio fa di tutto per sembrare più stupido del dovuto per poi divertirsi ad aspettare il primo cretino che cade nel gioco della tentazione più forte di lui, di correggerti l’errore voluto e dire: “talè che critinu chistu!

Se non è un divertimento da pazzi questo …….

Un abbraccio, Epruno.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Merchandising: Fenomeno planetario, dove acquistare

Il mio primo acquisto di un articolo legato ad una serie tv o ad una saga cinematografica è avvenuto due decenni fa quando, trovandomi a Bologna a passare il capodanno da amici, andai a visitare un negozio del quale avevo sentito parlare tra gli appassionati di fantascienza.

Wanted

di Ludovico Gippetto

Nudité: una mostra fotografica che custodisce memorie altre

Si inaugura a Ragusa la mostra fotografica "Nudité - Il Giardino di Afrodite" a cura di Giuseppe Nuccio Iacono. La collettiva nasce dal lavoro del 1° Seminario della fotografia di Nudo nell’ottobre del 2019, in collaborazione con il Festival europeo del Nudo di Arles (Francia).

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin