La Commissione Bilancio avvia un braccio di ferro con lo Stato: "Si restituiscano i soldi tolti alle ex province" | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Primo firmatario del Ddl è Vincenzo Vinciullo, presidente della commissione Bilancio all'Ars

La Commissione Bilancio avvia un braccio di ferro con lo Stato: “Si restituiscano i soldi tolti alle ex province”

di
5 Luglio 2017

La commissione Bilancio dell’Assemblea Regionale Siciliana ha approvato un disegno di legge-voto, primo firmatario Vincenzo Vinciullo – presidente della stessa commissione – con il quale si chiede al Governo nazionale di restituire alle ex Province siciliane le somme che sono state incamerate, attraverso un prelievo forzoso, dallo Stato.

Il ddl voto adesso dovrà passare all’esame dell’Aula e quindi sottoposto all’approvazione di Camera e Senato.

“Chiediamo allo Stato la restituzione delle somme – dice Vinciullo -. Il TAR del Veneto si è espresso sulla vicenda riconoscendo che i debiti delle ex province sono legati al prelievo forzoso dello Stato. Se l’Ars approvasse il disegno di legge potremmo dare una indicazione chiara ai deputati e ai senatori siciliani. Prima di questo prelievo il contributo pagato dalle Province era di 12 milioni di euro che e’ poi balzato con il prelievo forzoso a 122 milioni con un aumento del 1000%”.

“Per salvare la sola provincia di Siracusa – afferma ancora Vinciullo – occorrono 80 milioni di euro, mentre per salvare le altre otto ne servono 120. Alcune province non hanno ancora finito di pagare quanto dovuto per il 2016 e la situazione e’ drammatica. Senza il prelievo forzoso gli enti avrebbero le risorse per evitare il default”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

La “Maleducazione 2.0”

Se è vero che i tempi cambiano, anche le cattive abitudini educative diventano tecnologiche e "2.0": anche la maleudcazione, insomma, diventa "moderna"...

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin