La contraffazione arriva anche in palestra, blitz nel Palermitano e nel Trapanese | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

operazione della guardia di finanza

La contraffazione arriva anche in palestra, blitz nel Palermitano e nel Trapanese

di
23 Gennaio 2020

Blitz della Guardia di finanza nell’ambito della salvaguardia del “Made in Italy” e della sicurezza dei cittadini.

I finanzieri del nucleo di polizia economico finanziaria di Palermo e Trapani, hanno sequestrato numerose attrezzature per il fitness riprodotte illegalmente in due palestre a Cefalù e Santa Ninfa.

Le fiamme gialle hanno scoperto diversi attrezzi per l’allenamento risultati vere e proprie copie di macchinari Technogym costruite violando il brevetto internazionale depositato dalla casa produttrice.

Complessivamente sono stati sequestrati 20 macchinari tra cui panche, bilancieri e tapis roulantdella nota azienda italiana, riportanti il marchio contraffatto e tali da non garantire la sicurezza agli utenti, erano importati dall’estero, seppur all’apparenza identici agli originali, per un valore complessivo di 65 mila euro.

Gli investigatori hanno inoltre denunciato,  rispettivamente alla Procura della Repubblica di Termini Imerese e a quella di Sciacca, i gestori dei centri sportivi. .

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.