La corsa per il Rettorato dell'Università di Palermo, ai nastri di partenza Midiri e Vitale :ilSicilia.it
Palermo

Chi succederà a Micari?

La corsa per il Rettorato dell’Università di Palermo, ai nastri di partenza Midiri e Vitale

di
28 Maggio 2020

La corsa per la nomina del Rettore dell’Università di Palermo è già partita, e si intreccia con la politica. Inutile girarci intorno: il nuovo Rettore s’ha da fare.

Francesco Vitale

E come se fossero agli angoli di un ring, a guardarsi come due sfidanti agli schieramenti opposti ci sono il professor Massimo Midiri e il professore Francesco Vitale, che per restare nella metafora sportiva, sono in pole position per raggiungere Palazzo Steri. Soprattutto se si rispetterà una regola non scritta nell’avvicendamento ai vertici dell’Ateneo, che prevede che il nuovo rettore sia un medico, dopo l’elezione dell’ingegnere Fabrizio Micari, in un’alternanza tra due facoltà che tradizionalmente esprimono ‘il Magnifico’.

Tra i papabili per la candidatura, dicevamo, Massimo Midiri, Il responsabile del reparto di Radiologia del Policlinico di Palermo. Una candidatura che potrebbe contare sul

Roberto Lagalla

gradimento di diversi esponenti del mondo accademico e politico, o di altri che li hanno vissuti entrambi, come l’assessore alla Formazione ed ex rettore Roberto Lagalla.

micari
Fabrizio Micari

Francesco Vitale, invece, ordinario di Igiene e medicina preventiva all’Università di Palermo, godrebbe dell’apprezzamento di Fabrizio Micari, il rettore oggi in carica.

Sarebbe dunque una corsa a due quella per il vertice dell’Ateneo del capoluogo siciliano, ancora alle prese con l’emergenza Covid-19 e le lezioni online.

Sembrano in discesa, invece, le quotazioni del professore Paolo Inglese e del docente di architettura ed ex assessore del Comune di Palermo Maurizio Carta. Accademici entrambi di grande spessore che in questo momento parrebbero partire dalla seconda fila nella corsa per l’elezione a Palazzo Steri.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin