La corsa per il Rettorato dell'Università di Palermo, ai nastri di partenza Midiri e Vitale :ilSicilia.it
Palermo

Chi succederà a Micari?

La corsa per il Rettorato dell’Università di Palermo, ai nastri di partenza Midiri e Vitale

di
28 Maggio 2020

La corsa per la nomina del Rettore dell’Università di Palermo è già partita, e si intreccia con la politica. Inutile girarci intorno: il nuovo Rettore s’ha da fare.

Francesco Vitale

E come se fossero agli angoli di un ring, a guardarsi come due sfidanti agli schieramenti opposti ci sono il professor Massimo Midiri e il professore Francesco Vitale, che per restare nella metafora sportiva, sono in pole position per raggiungere Palazzo Steri. Soprattutto se si rispetterà una regola non scritta nell’avvicendamento ai vertici dell’Ateneo, che prevede che il nuovo rettore sia un medico, dopo l’elezione dell’ingegnere Fabrizio Micari, in un’alternanza tra due facoltà che tradizionalmente esprimono ‘il Magnifico’.

Tra i papabili per la candidatura, dicevamo, Massimo Midiri, Il responsabile del reparto di Radiologia del Policlinico di Palermo. Una candidatura che potrebbe contare sul

Roberto Lagalla

gradimento di diversi esponenti del mondo accademico e politico, o di altri che li hanno vissuti entrambi, come l’assessore alla Formazione ed ex rettore Roberto Lagalla.

micari
Fabrizio Micari

Francesco Vitale, invece, ordinario di Igiene e medicina preventiva all’Università di Palermo, godrebbe dell’apprezzamento di Fabrizio Micari, il rettore oggi in carica.

Sarebbe dunque una corsa a due quella per il vertice dell’Ateneo del capoluogo siciliano, ancora alle prese con l’emergenza Covid-19 e le lezioni online.

Sembrano in discesa, invece, le quotazioni del professore Paolo Inglese e del docente di architettura ed ex assessore del Comune di Palermo Maurizio Carta. Accademici entrambi di grande spessore che in questo momento parrebbero partire dalla seconda fila nella corsa per l’elezione a Palazzo Steri.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.