La Corte dei Conti bacchetta la Regione: "Dirigenti di terza fascia non possono fare i superburocrati" :ilSicilia.it

I giudici contabili sulle nomine

La Corte dei Conti bacchetta la Regione: “Dirigenti di terza fascia non possono fare i superburocrati”

di
8 Luglio 2020

La Corte dei Conti pianta una grana al governo Musumeci. L’imbarazzo riguarda la nomina dei cosiddetti dirigenti di “terza fascia” nelle posizioni più alte della burocrazia regionale. Al di là della sentenza della sezione giurisdizionale della Corte dei Conti che condanna Lombardo e Crocetta e una serie di assessori a risarcire la Regione Siciliana per la nomina illegittima di Patrizia Monterrosso nel ruolo di segretario generale, i giudici contabili aprono una questione che potrebbe rappresentare una falla non da poco nei gangli della burocrazia.

Qualche tempo fa, il governo regionale ha provveduto alla nomina dei superburocrati mancanti all’interno della macchina amministrativa della Regione. Tranne il nuovo dirigente alla Programmazione, Federico Lasco, erano tutti dirigenti interni all’amministrazione regionale. Un errore per la Corte dei Conti che cita una sentenza del Tar Sicilia risalente al 2014, che recita: “l’incarico di dirigente generale non può essere attribuito ai dirigenti di terza fasciaIn buona sostanza – spiegano i magistrati contabili – secondo l’articolo 11, comma 4 e 5 della legge regionale n.20 del 2003, l’incarico apicale è conferito a dirigenti di prima fascia, nonché a soggetti cd. esterni (entro il più elevato limite del 30 per cento, introdotto dal comma 7 dello stesso articolo) e può essere, altresì, conferito a dirigenti di seconda fascia in possesso dei requisiti ivi previsti”. Un problema reiterato da numerose legislature in quanto ad oggi non esiste un ddl che regola o riscrive l’accesso alle posizioni più alte della burocrazia regionale. Né tanto meno è mai stato indetto un concorso per interni che consente ai funzionari di terza fascia di poter aspirare ai vertici dei dipartimenti.

Sembra proprio che la Corte dei Conti abbia dato ragione al deputato regionale del Pd Nello Dipasquale che attraverso una sua interrogazione parlamentare aveva già preannunciato il problema al governo Musumeci. “Non posso non ribadire con forza l’illegittimità amministrativa e contabile di tale condotta che mette in serio pericolo la funzionalità stessa dei dipartimenti per le conseguenze amministrative che ne derivano. Eppure è dal 7 marzo che chiedo risposte in merito da parte del Governo regionale che, invece, si arrabatta a cercare pareri favorevoli irricevibili su tale procedimento, anzi di esito totalmente opposto, vedi Corte di Appello di Palermo e il CGA nell’adunanza del 14 gennaio 2020“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.