La Corte dei Conti demolisce la Società Stretto di Messina :ilSicilia.it
Messina

Per il ponte che non c'è la società ha chiesto indennizzi per 300 milioni

La Corte dei conti demolisce la Società Stretto di Messina

di
13 Gennaio 2017
Ponte sullo Stretto di Messina, i numeri dell’opera (Corriere della Sera, 3 ottobre 2016)
Ponte sullo Stretto, i numeri dell’opera (Corriere della Sera, 3 ottobre 2016)

La Corte dei Conti accende i riflettori sul ponte che non c’è, il Ponte sullo Stretto di Messina. Tra le righe si intuisce il pensiero dei magistrati contabili. Da anni in liquidazione, la Società Stretto di Messina va chiusa. Nel corso degli anni, la società ha prodotto solo spese e “ha richiesto alle amministrazioni statali rilevanti somme a titolo di indennizzo” per un ammontare di circa 300 milioni, da qui un lungo contenzioso che va a sommarsi a quello aperto dai privati.

Tutto questo è scritto nella delibera la Corte dei Conti sulla “ridefinizione dei rapporti contrattuali della società Stretto di Messina”. A parere della magistratura contabile, il contenzioso fra concessionaria e Amministrazioni statali “risulta contrario ai principi di proporzionalità, razionalità e buon andamento dell’agire amministrativo”. Peraltro, rileva ancora la Corte dei Conti “non risultano iniziative della Presidenza del Consiglio e del Ministero delle Infrastrutture per por fine al contrasto con la concessionaria”. I giudici contabili ritengono poi “opportuno che gli azionisti (della Società Stretto di Messina, cioè principalmente l’Anas) compiano una specifica valutazione circa i vantaggi conseguibili dal contenzioso attivo, a fronte di costi certi per la permanenza in vita della stessa” società ancora in liquidazione. In poche parole, chiudete.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin