La crema all'arancia, una bontà leggendaria | LA RICETTA :ilSicilia.it

Dal mito alla storia, per arrivare in cucina

La crema all’arancia, una bontà leggendaria | LA RICETTA

25 Febbraio 2020

Dicendo arancia la prima cosa a cui si pensa è il suo succo dissetante, ma noi, prima di darvi la ricetta, una delizia a tutta salute, vogliamo raccontarvi delle leggende che la vedono protagonista.

Nella prima, Giunone, promessa sposa di Giove, gli portò in dote una pianta dai cui rami pendevano dei pomi d’oro. Il re degli dèi, temendo che qualcuno la potesse rubare, la nascose nel giardino delle Esperidi, Egle, Aretusa, Espera, ninfe dal canto amabile, figlie della Note e di Atlante, mettendo a sua difesa il drago Ladone, un serpente con cento teste che, però, non riuscì a impedire a Ercole di rubare i pomi e portare a termine la sua undicesima fatica. Ecco che questi frutti divennero simbolo di amore e fecondità ed è per questo che i suoi fiori sono, spesso, utilizzati nei matrimoni.

Un’altra leggenda, invece, narra che un non ben identificato re di Spagna, un giorno, ricevette in dono un alberello di arancio che fece piantare in giardino per poterne godere la vista e il profumo. Un ambasciatore in visita, rimasto inebriato dall’aroma che sprigionava, ne chiese un ramoscello in regalo, ma il sovrano, geloso, rifiutò la richiesta. Il notabile, allora, decise di corrompere il giardiniere con 50 monete d’oro, destinate in dote alla figlia che, il giorno delle sue nozze, adornò i suoi capelli con un ramoscello di fiori d’arancio, fonte della sua fortuna.

Crema all'arancia

Un altra storia, invece, è ambientata in una data precisa, il 1860, durante l’armistizio di Palermo e ha per è protagonista Garibaldi che, a quanto pare, trovandosi presso Palazzo Pretorio con il generale borbonico Letizia e il colonnello Buonopane, capo di stato maggiore borbonico, per discutere dell’armistizio, seduto su una poltrona con davanti a sé delle arance, le sbucciava offrendone qualche spicchio ai due. Durante la discussione si sentirono i colpi di una carica di moschetteria che fecero sobbalzare Letizia e Buonopane, lasciando indifferente il generale nizzardo che pronunciò queste poche parole: “fate che cessino”, continuando a sbucciare arance.

Prima della ricetta della “crema all’arancia“, a cui abbiamo accennato, vogliamo regalarvi la poesia del poeta arabo-siciliano Ali-al-Ballanubi, vissuto a cavallo tra l’XI e il XII secolo, “Gioisci delle arance che raccogli“.

Gioisci delle arance che raccogli:
della loro presenza viene gioia.
Oh, siano benvenute
queste guance dei rami,
benvenute le stelle di quest’albero.
Si direbbe che il cielo abbia versato oro,
e che per noi la terra abbia forgiato pomi“.

Crema all’arancia

Ingredienti:

  • Mezzo litro di spremuta di arance
  • 40 g di amido
  • zucchero a piacimento

Procedimento:

  1. In una casseruola versate il succo d’arancia e con un colino versate, facendolo sciogliere, l’amido.
  2. Aggiustate di zucchero e mettete sul fuoco fino a quando non si sarà addensata.

La vostra crema all’arancia è pronta per essere assaporata.

Tag:
Libri e Cinematografo
di Redazione

L’Amore al tempo del Covid-19 | VIDEO

Con Roby Cannnata – conduttrice, giornalista e inviata de "La vita in diretta" di Rai 1 (oltre che mia cara amica) – durante una chiacchierata telefonica, abbiamo pensato, in questo giorni di clausura forzata da Covid-19, di scrivere una Rubrica su "L'amore ai tempo del Covid-19".

La pittrice della Via Crucis | LE FOTO

Con questo bell'articolo sulla pittrice Maria Pia De Angelis si inaugura oggi "L'Occhiotriquetro - note e postille", la nuova rubrica di Piero Longo, poeta, critico teatrale, critico e storico dell'arte, nonché presidente de "Gli Amici del Teatro Biondo" e presidente onorario di "Italia Nostra Palermo"
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Ad Alimena la Misericordia cuce le mascherine per tutti

La Misericordia di Alimena, che da anni opera nel sociale ed è fautrice di tante belle iniziative, ha iniziato a produrre le mascherine. Saranno distribuite gratuitamente a chi ne farà richiesta e sono già state stilate diverse liste per andare incontro soprattutto alle esigenze di tanti anziani.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona