La crema all'arancia, una bontà leggendaria | LA RICETTA :ilSicilia.it

Dal mito alla storia, per arrivare in cucina

La crema all’arancia, una bontà leggendaria | LA RICETTA

di
25 Febbraio 2020

Dicendo arancia la prima cosa a cui si pensa è il suo succo dissetante, ma noi, prima di darvi la ricetta, una delizia a tutta salute, vogliamo raccontarvi delle leggende che la vedono protagonista.

Nella prima, Giunone, promessa sposa di Giove, gli portò in dote una pianta dai cui rami pendevano dei pomi d’oro. Il re degli dèi, temendo che qualcuno la potesse rubare, la nascose nel giardino delle Esperidi, Egle, Aretusa, Espera, ninfe dal canto amabile, figlie della Note e di Atlante, mettendo a sua difesa il drago Ladone, un serpente con cento teste che, però, non riuscì a impedire a Ercole di rubare i pomi e portare a termine la sua undicesima fatica. Ecco che questi frutti divennero simbolo di amore e fecondità ed è per questo che i suoi fiori sono, spesso, utilizzati nei matrimoni.

Un’altra leggenda, invece, narra che un non ben identificato re di Spagna, un giorno, ricevette in dono un alberello di arancio che fece piantare in giardino per poterne godere la vista e il profumo. Un ambasciatore in visita, rimasto inebriato dall’aroma che sprigionava, ne chiese un ramoscello in regalo, ma il sovrano, geloso, rifiutò la richiesta. Il notabile, allora, decise di corrompere il giardiniere con 50 monete d’oro, destinate in dote alla figlia che, il giorno delle sue nozze, adornò i suoi capelli con un ramoscello di fiori d’arancio, fonte della sua fortuna.

Crema all'arancia

Un altra storia, invece, è ambientata in una data precisa, il 1860, durante l’armistizio di Palermo e ha per è protagonista Garibaldi che, a quanto pare, trovandosi presso Palazzo Pretorio con il generale borbonico Letizia e il colonnello Buonopane, capo di stato maggiore borbonico, per discutere dell’armistizio, seduto su una poltrona con davanti a sé delle arance, le sbucciava offrendone qualche spicchio ai due. Durante la discussione si sentirono i colpi di una carica di moschetteria che fecero sobbalzare Letizia e Buonopane, lasciando indifferente il generale nizzardo che pronunciò queste poche parole: “fate che cessino”, continuando a sbucciare arance.

Prima della ricetta della “crema all’arancia“, a cui abbiamo accennato, vogliamo regalarvi la poesia del poeta arabo-siciliano Ali-al-Ballanubi, vissuto a cavallo tra l’XI e il XII secolo, “Gioisci delle arance che raccogli“.

Gioisci delle arance che raccogli:
della loro presenza viene gioia.
Oh, siano benvenute
queste guance dei rami,
benvenute le stelle di quest’albero.
Si direbbe che il cielo abbia versato oro,
e che per noi la terra abbia forgiato pomi“.

Crema all’arancia

Ingredienti:

  • Mezzo litro di spremuta di arance
  • 40 g di amido
  • zucchero a piacimento

Procedimento:

  1. In una casseruola versate il succo d’arancia e con un colino versate, facendolo sciogliere, l’amido.
  2. Aggiustate di zucchero e mettete sul fuoco fino a quando non si sarà addensata.

La vostra crema all’arancia è pronta per essere assaporata.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.