La crema all'arancia, una bontà leggendaria | LA RICETTA :ilSicilia.it

Dal mito alla storia, per arrivare in cucina

La crema all’arancia, una bontà leggendaria | LA RICETTA

di
25 Febbraio 2020

Dicendo arancia la prima cosa a cui si pensa è il suo succo dissetante, ma noi, prima di darvi la ricetta, una delizia a tutta salute, vogliamo raccontarvi delle leggende che la vedono protagonista.

Nella prima, Giunone, promessa sposa di Giove, gli portò in dote una pianta dai cui rami pendevano dei pomi d’oro. Il re degli dèi, temendo che qualcuno la potesse rubare, la nascose nel giardino delle Esperidi, Egle, Aretusa, Espera, ninfe dal canto amabile, figlie della Note e di Atlante, mettendo a sua difesa il drago Ladone, un serpente con cento teste che, però, non riuscì a impedire a Ercole di rubare i pomi e portare a termine la sua undicesima fatica. Ecco che questi frutti divennero simbolo di amore e fecondità ed è per questo che i suoi fiori sono, spesso, utilizzati nei matrimoni.

Un’altra leggenda, invece, narra che un non ben identificato re di Spagna, un giorno, ricevette in dono un alberello di arancio che fece piantare in giardino per poterne godere la vista e il profumo. Un ambasciatore in visita, rimasto inebriato dall’aroma che sprigionava, ne chiese un ramoscello in regalo, ma il sovrano, geloso, rifiutò la richiesta. Il notabile, allora, decise di corrompere il giardiniere con 50 monete d’oro, destinate in dote alla figlia che, il giorno delle sue nozze, adornò i suoi capelli con un ramoscello di fiori d’arancio, fonte della sua fortuna.

Crema all'arancia

Un altra storia, invece, è ambientata in una data precisa, il 1860, durante l’armistizio di Palermo e ha per è protagonista Garibaldi che, a quanto pare, trovandosi presso Palazzo Pretorio con il generale borbonico Letizia e il colonnello Buonopane, capo di stato maggiore borbonico, per discutere dell’armistizio, seduto su una poltrona con davanti a sé delle arance, le sbucciava offrendone qualche spicchio ai due. Durante la discussione si sentirono i colpi di una carica di moschetteria che fecero sobbalzare Letizia e Buonopane, lasciando indifferente il generale nizzardo che pronunciò queste poche parole: “fate che cessino”, continuando a sbucciare arance.

Prima della ricetta della “crema all’arancia“, a cui abbiamo accennato, vogliamo regalarvi la poesia del poeta arabo-siciliano Ali-al-Ballanubi, vissuto a cavallo tra l’XI e il XII secolo, “Gioisci delle arance che raccogli“.

Gioisci delle arance che raccogli:
della loro presenza viene gioia.
Oh, siano benvenute
queste guance dei rami,
benvenute le stelle di quest’albero.
Si direbbe che il cielo abbia versato oro,
e che per noi la terra abbia forgiato pomi“.

Crema all’arancia

Ingredienti:

  • Mezzo litro di spremuta di arance
  • 40 g di amido
  • zucchero a piacimento

Procedimento:

  1. In una casseruola versate il succo d’arancia e con un colino versate, facendolo sciogliere, l’amido.
  2. Aggiustate di zucchero e mettete sul fuoco fino a quando non si sarà addensata.

La vostra crema all’arancia è pronta per essere assaporata.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Immagina…

Immagina la “normalità” quale unico “manifesto per il futuro”. Il fallimento di una certa politica sta nel fatto di volerti vendere per straordinario tutto ciò che universalmente sarebbe stato normale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
La GiombOpinione
di Il Giomba

Andrà tutto bene(?)

È un anno intero, e anche qualcosa di più, che mi sento ripetere questa frase. Ma come faccio a pensare che andrà tutto bene?
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin